CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.12.2017

Il postino è infortunato Consegne a singhiozzo

Disagi in paese per la consegna della corrispondenza. PIEROPAN
Disagi in paese per la consegna della corrispondenza. PIEROPAN

Matteo Pieropan Il sindaco Matteo Macilotti tuona contro la lentezza delle poste. In paese infatti si sono verificati diversi casi di consegna in ritardo, con disagi soprattutto per quanto riguarda le bollette di energia elettrica o gas, molte volte già scadute. Situazione che ha colpito diverse zone del paese: Mistrorighi, Peep e Arso, Pregiana, Campanile e il centro. I cittadini hanno segnalato a più riprese i disguidi, sfogandosi anche sui social, dove c’è chi sostiene di non vedere il postino da un mese. Esasperati, si sono rivolti anche al sindaco che si è attivato con i responsabili dell’ufficio spedizioni di Poste italiane. Ora è arrivato un nuovo postino che dovrebbe aiutare a riportare la situazione alla normalità. «La posta a Chiampo è andata sotto organico, con pesanti ricadute sul territorio - dichiara Matteo Macilotti -. È un servizio essenziale e non può arrivare con ritardi di questo tipo. Dopo mie ripetute richieste è arrivato un nuovo postinp e mi è stata promessa una task force per risolvere il problema». Poste Italiane conferma la carenza di personale. «A causa di un infortunio, uno dei portalettere non è in servizio - spiegano - e ciò ha portato ai ritardi nelle consegne o ad errori di indirizzi. Sicuramente ci sono state conseguenze, perché l’assenza riguarda un postino che conosce bene il territorio e la gente. È in corso la sostituzione e i portalettere stanno lavorando su tutto il territorio. Chiediamo comprensione e ci scusiamo per gli eventuali disagi». Ma un’altra questione preoccupa il sindaco: «Mi è stato riferito dai cittadini che non possono neppure prelevare direttamente la propria corrispondenza all’ufficio centrale di Chiampo dove il personale avrebbe risposto di compilare una lettera di reclamo all’ufficio centrale. La ritengo una cosa inammissibile». «Gli impiegati non possono dare la posta direttamente al cittadino - precisa Posta Italiane - perché deve necessariamente essere recapitata all’indirizzo riportato sul documento e, inoltre, si tratta di competenze diverse e questa mansione non compete agli impiegati». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1