CHIUDI
CHIUDI

19.02.2019

Il nuovo ecocentro triplica gli spazi ma pesa in bolletta

L’attuale ecocentro sarà sostituito da un sistema più moderno.  M.P.
L’attuale ecocentro sarà sostituito da un sistema più moderno. M.P.

Triplica l’area dell’ecocentro di Arso che sarà costruito su quello attuale, con importanti novità. L’annuncio è del sindaco Matteo Macilotti che in consiglio comunale ha anticipato il progetto dell’opera, con una spesa di quasi 400 mila euro. Una cifra importante con cui si andrà a ridisegnare completamente l’isola ecologica dove ogni anno vengono conferiti circa 660 mila chili di materiali, con una percentuale di differenziata di oltre l’80% da ingombranti a ferro, ramaglie, carta e inerti. L’importo per finanziare il cantiere, che sarà eseguito dall’ente gestore Agno Chiampo Ambiente, sarà sostenuto attraverso la tariffa rifiuti versata dai cittadini, con una somma di 35-40 mila euro l’anno da ammortizzare in dieci anni. «Considerando che il piano finanziario annuale dei rifiuti si aggira circa sul milione di euro, si tratta di una cifra non onerosa», spiega l’assessore all’ambiente Massimo Masiero. L’impegno di una realizzazione ex novo nasce dall’esigenza di migliorare il servizio e di avere una struttura adeguata, in sostituzione dell’attuale da 800 metri quadrati. L’ecocentro ora in funzione, infatti, realizzato nel 1998, è ormai obsoleto per consentire una gestione ottimale. «Si tratta di un’opera necessaria per il nostro paese – ha spiegato il sindaco Matteo Macilotti – che ci permetterà di aumentarne l’utilizzo, di avere una gestione migliore e di incrementare il conferimento. Una delle novità sarà la possibilità di utilizzare l’isola ecologica 24 ore su 24 ampliando enormemente la possibilità di conferimento rispetto al passato». Il nuovo ecocentro si svilupperà su una superficie di ben 2.300 metri quadri complessivi, considerando le zone di accesso. Verrà sfruttato lo spazio antistante, attualmente adibito a parcheggio lungo via Castiglione. In particolare, verrà inglobata l’attuale area parcheggio con nuova funzionalità per gli spazi di raccolta rifiuti, carico-scarico, parcheggi, nuova illuminazione e videosorveglianza. Ci sarà una nuova concezione, con i cassoni ubicati in basso per facilitare lo scarico del materiale rispetto ai mezzi in ingresso. Avrà maggiori aperture settimanali e si potrà servire un numero maggiore di utenti contemporaneamente disponendo di maggiori spazi. Sarà possibile conferire carta, verde e ramaglie e vetro. Attualmente le aperture sono soltanto il martedì pomeriggio, il venerdì mattina e il sabato tutto il giorno. Come è già oggi, sarà gestito da una cooperativa, e si dovrà sempre accedere con la tessera. «Secondo le nostre previsioni, è un intervento che farà da volano per aumentare la percentuale della raccolta differenziata fino al 10% in più - aggiunge l’assessore Massimo Masiero-. Con altri progetti in corso, quali le piste ciclabili, questo intervento ha anche l’obiettivo di riqualificare la zona artigianale di via Castiglione. Abbiamo poi l’intenzione di coinvolgere scuole e cittadini per visite guidate. Auspichiamo la chiusura lavori e operatività del nuovo impianto entro la primavera del 2020». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Matteo Pieropan
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1