CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.12.2017

Cerca d'investire
carabiniere
dopo il furto: preso

Arresto dei carabinieri
Arresto dei carabinieri

CHIAMPO. I carabinieri hanno arrestato Slah Ouertatani, tunisino, 40enne, residente a Zermeghedo che, precedentemente, si era reso responsabile dei reati di furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali volontarie. Tutto è iniziato verso le tre di notte all’ecocentro  di Chiampo: una pattuglia ha notato un furgone Ford Transit parcheggiato nelle vicinanze, con nessuna persona a bordo. Ben consapevoli del fatto che in passato si erano già verificati dei furti di materiale depositato all’interno, i militari hanno deciso di fermarsi e controllare che non ci fossero persone nell’area gestita dalla società “Agno – Chiampo Ambiente”. Non è stato necessario attendere molto per vedere avvicinarsi un uomo che stava raggiungendo il furgone con del materiale ferroso in mano, per caricarlo all’interno, dove già precedentemente aveva riposto altro analogo materiale. È così scattato l’intervento. Il tunisino ha  acceso il motore e, per scappare, ha colpito uno dei due militari con il furgone,  provocandogli delle lievi contusioni all’anca e alla coscia della gamba destra. Le ricerche sono proseguite ininterrottamente fino alle 6.45, quando un equipaggio del nucleo operativo e radiomobile lo ha intercettato a Zermeghedo, poco distante dal luogo di residenza. Fermato e perquisito, il conducente è stato identificato ed arrestato. A bordo dell’autocarro, sottoposto a sequestro con alcuni utensili da scasso, è stata trovata anche tutta la refurtiva che è stata restituita all’ente di gestione dell’ecocentro. Il tunisino, come disposto dal pubblico ministero di turno, è stato trattenuto nella camera di sicurezza della sede valdagnese in attesa dell’udienza di convalida fissata. Il giudice ha convalidato l’arresto e disposto gli arresti domiciliari in attesa di processo. 

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1