CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.12.2018

Caos viario verso Chiampo Risolverlo costa 10 milioni

L’incidente avvenuto ieri tra via Kennedy e via Largo Stazione.  L.N.
L’incidente avvenuto ieri tra via Kennedy e via Largo Stazione. L.N.

«Non esiste solo la Pedemontana. La provinciale Valchiampo ha un flusso di traffico tra i 30 mila e i 35 mila veicoli. Servono le risorse per realizzare il passante». Il sindaco di Arzignano Giorgio Gentilin, nel rispondere ad un’interrogazione sul traffico presentata dalla lista di opposizione “Un’altra Arzignano” in consiglio comunale, ha ribadito ancora una volta la necessità di trovare un’alternativa all’asse viario esistente di collegamento tra Arzignano e Chiampo, di cui si parla da decenni. «Una proposta già esiste - ha spiegato - ma servono 10 milioni di euro. E l’appello, oltre alle associazioni di categoria, va alla Provincia e anche alla Regione che finora, per la provinciale Valchiampo, non ha dato alcun segnale. Noi ci siamo impegnati sulla viabilità, le rotatorie a San Zeno e al Tosano sono realizzate. Adesso che si faccia il resto. Ci aspettiamo una risposta dalla politica a tutti i livelli». Qualche mese fa, prima della conclusione del mandato, in sopralluogo sull’asse viario Arzignano-Chiampo c’era stato anche l’ex presidente della Provincia Achille Variati. «Ci siamo confrontati con lui insieme al sindaco di Chiampo Matteo Macilotti - ha ricordato Gentilin -. Ora speriamo nella convergenza di tutti per risolvere la questione». Il progetto da circa 10 milioni di euro prevede un passante da San Zeno fino al confine con Chiampo. «Parte dalla nuova rotatoria di San Zeno con un ponte obliquo ad attraversare il fiume per arrivare all’argine opposto e salire verso Chiampo fino via Miniera, dove è previsto un secondo ponte. La provinciale è di circa 5 chilometri, il passante sarebbe di un paio perché poi si innesta sulla viabilità esistente della zona industriale di Chiampo. Ad alzare i costi sono i due ponti e la necessità di rinforzare l’argine del torrente. Si potrebbero anche realizzare gli svincoli a San Zeno per le aziende esistenti che sono servite ogni giorno da autoarticolati di notevoli dimensioni. Abbiamo già portato il progetto su diversi tavoli». Il sindaco di Chiampo Matteo Macilotti ha intanto chiesto la costituzione di un tavolo di coordinamento di area e proprio in questi giorni sta inviando una lettera ai sindaci di Valle, alle associazioni di categoria ma anche a Svt, azienda provinciale del trasporto pubblico. «Realizzare il passante è il progetto più importante - precisa Macilotti - ma ci vorrà tempo e intanto si potrebbero mettere in atto interventi minori in grado di migliorare la situazione. Ma serve un’azione condivisa. Vorremmo coinvolgere anche l’Università di Padova che ha realizzato lo studio sulla viabilità per Confartigianato e Svt; il trasporto pubblico da Chiampo verso Arzignano serve i due comuni e le scuole, ma non arriva nella zona industriale di Arzignano”. Ieri, intanto, a mandare in tilt la viabilità ad Arzignano è stato un incidente accaduto verso le 9.30 tra via Kennedy e via Largo Stazione: coinvolte una Renault Megan e un autoarticolato Iveco. Nessun ferito fortunatamente ma notevoli disagi per la circolazione stradale, per un paio di ore. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Luisa Nicoli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1