CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

25.10.2017

Una pista ciclabile
nei terreni privati
«Mai stati pagati»

Polemiche per un tratto di pista ciclabile a  Meledo. MASSIGNAN
Polemiche per un tratto di pista ciclabile a Meledo. MASSIGNAN

Corrono lungo la ciclabile a ridosso della provinciale 500 di Meledo le polemiche per i mancati pagamenti delle aree cedute dai privati al Comune di Sarego per la sua realizzazione e attesi inutilmente da oltre dieci anni. Sul punto sono state presentate ben due interrogazioni, una al municipio di Sarego e l’altra a Lonigo. Il tratto di pista ciclo-pedonale interessato, della lunghezza di un centinaio di metri, è quello che parte dal capitello di Sant’Antonio, all’altezza dell’incrocio con via dell’Artigianato, e arriva all’intersezione con via Paradiso. La storia dell’intervento di prolungamento della parte di ciclabile della frazione risale ancora al 2004, quando il Comune deliberava di approvare 9 accordi bonari per la cessione delle aree, per un totale di circa 5 mila euro. Da allora però non è chiaro cosa sia accaduto nel corso nell’iter burocratico per il frazionamento dei mappali e l’acquisizione delle aree con il rogito, considerati atti preliminari per ottenere il pagamento da parte dell’Amministrazione comunale ai cedenti, che l’anno scorso si sono perfino rivolti al difensore civico regionale. «Non è giusto dover aspettare così tanto per ottenere dei soldi che ci spettano - affermano alcuni proprietari -. Per agevolare i lavori abbiamo accettando il prezzo minimo di 5,16 euro al metro quadro, ben al di sotto del suo valore reale. Lo abbiamo fatto per dare una mano al Comune e per concludere in tempi brevi, ma siamo ancora qui».

Un disagio di cui tiene conto il documento della minoranza. «Senza elencare la lunga serie di incontri voluti dalle parti con l’Amministrazione comunale, le telefonate, le richieste di accesso agli atti e le lettere protocollate depositate, la cosa che più sorprende è che ad oggi non è mai stato redatto l’atto notarile che sancisce il passaggio di proprietà, e di conseguenza non sia mai stato effettuato il pagamento della cifra spettante a ciascun frontista cui veniva fornita sempre la medesima risposta, ossia di una imminente risoluzione», si legge nelle premesse dell’interrogazione presentata dalla lista “Nadia Fochesato sindaco” e in cui viene chiesto al sindaco Roberto Castiglion di conoscere i motivi delle lungaggini, le responsabilità e i tempi certi per chiudere l’annosa questione.

«È un’eredità delle precedenti Amministrazioni comunali - spiega il sindaco Roberto Castiglion -. I ritardi sono dovuti a problemi di accatastamento con i privati che hanno reso più lungo il frazionamento, le nuove normative e la cronica carenza di personale dell’ente. I frazionamenti sono stati realizzati a fine 2014 e ad aprile è stato incaricato un notaio per il rogito. Abbiamo chiesto ai proprietari l’Iban per il pagamento. A breve saranno chiamati per firmare l’atto».

Matteo Guarda
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il 17 dicembre si voterà per la fusione di Barbarano e Mossano. Sei d'accordo di creare un unico Comune?
ok