CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

25.11.2017

L’autista ora rischia la sospensione

L’autista fotografato dagli utenti del pullman di Noventa
L’autista fotografato dagli utenti del pullman di Noventa

L’autista fotografato con il cellulare all’orecchio ieri mattina ha puntualmente guidato l’autobus Svt sulla tratta Noventa-Lonigo. Ignaro, forse, che negli uffici della direzione si stava redigendo la lettera che gli sarà recapitata a casa nelle prossime ore. Il conducente sarà sanzionato così come prescrive il regolamento aziendale che terrà conto in ogni caso della memoria difensiva dell’autista

Intanto l’azienda ha subito precisato che si interverrà in modo deciso: «Ogni fatto va verificato - precisa - ma assicuro che se la segnalazione corrisponde al vero interverremo in maniera pesante ed esemplare nei confronti di chi non ha rispettato il Codice della Strada - spiega il presidente Svt Angelo Macchia -. Anzi, siamo pronti ad inasprire la pena per l'uso scorretto del telefono cellulare, perché si crea una situazione di potenziale pericolo che non può e non deve essere giustificata».

«Va detto - continua Macchia - che i comportamenti scorretti sono le eccezioni, a fronte della gran parte degli autisti che lavora con serietà e professionalità. Prova ne sia che è da luglio 2017 che non si riscontra una sanzione per uso improprio del telefono cellulare durante la guida». E sulla vicenda di Noventa, descritta con una foto da smartphone, il direttore generale Svt Umberto Rovini spiega che si procederà come da regolamento. Ora l'interessato ha 5 giorni per presentare la memoria difensiva, anche servendosi dell'aiuto di un proprio rappresentante sindacale o di un legale. La documentazione viene analizzata e si procederà, o meno, con la sanzione. L'autista può entro 10 giorni fare ricorso all’Ispettorato Territoriale Lavoro. La più grave delle punizioni è la sospensione dal lavoro per una o più giornate, che viene per lo più comminata a chi si rende responsabile di soppressione di corse piuttosto che di recidiva nell’utilizzo del cellulare alla guida. Nell'ordine, ci sono poi la multa pecuniaria (corrispondente al massimo a quattro ore lavorative), la censura e il semplice richiamo che vuole essere una raccomandazione a prestare maggiore attenzione. Se non si ravvisa alcuna responsabilità a carico degli autisti, la pratica viene archiviata senza sanzioni. Questo il regolamento, altro discorso è la sicurezza degli utenti che sempre di più sono pronti a denunciare i conducenti indisciplinati.

Eugenio Marzotto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1