CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

22.08.2018

Flop fotovoltaico e il Tar respinge ricorso del Comune

Il palasport di Saline con uno degli impianti fotovoltaici contestati
Il palasport di Saline con uno degli impianti fotovoltaici contestati

Felice Busato Il Comune perde il contenzioso con il Tar e rischia di sobbarcarsi le spese degli impianti fotovoltaici posti sui tetti dei due palasport. La complessa vicenda giudiziaria ha visto la decisione del Tar del Lazio respingere per gravi inadempienze (mancato rispetto dei termini della chiusura lavori, condizione necessaria per ottenere gli incentivi) il ricorso del Comune contro il GSE (il gestore dei servizi energetici) che aveva sospeso mesi fa il contributo concesso e richiesto la restituzione di 363 mila euro. Un atteggiamento ritenuto illegittimo dal Comune che aveva interrotto il pagamento delle rate alla società di leasing accantonando in bilancio le relative somme con avvio del contenzioso al tribunale di Brescia poi trasferito al Tar del Lazio dopo l’inutile tentativo di trovare un accordo per una transazione. «Stiamo valutando col legale incaricato tutte le azioni opportune da adottare anche nei confronti della società di leasing che sinora è sempre rimasta al di fuori del contesto. Abbiamo subíto una sentenza negativa che ha però l’aspetto positivo di mettere in luce le responsabilità della società di leasing», ha sottolineato nell’ultimo Consiglio Comunale il sindaco Marcello Spigolon dopo la preoccupazione espressa da Cristina Rossi (Noventa Civica): «Bisogna fare chiarezza su questo tema sono mancate le comunicazioni del sindaco, anche quando la Finanza è venuta in Comune per informarsi». «La questione è sotto vari profili all’esame delle diverse autorità giudiziarie e allo stato attuale si possono fare soltanto delle ipotesi per cui quando avremo informazioni certe ci saranno complete ed opportune comunicazioni», ha replicato Spigolon, esprimendo «grandi perplessità sul coinvolgimento nell’inchiesta giudiziaria dell’architetto Barnaba Seraglio che al tempo della costruzione dei palazzetti non era ancora dipendente del Comune di Noventa». Alessandro Romagna (Lista libera per Noventa) ha espresso «pieno sostegno all’architetto Seraglio per questo coinvolgimento», sollevando il dubbio che «non vi sia correttezza da parte del GSE in quanto, dopo il sequestro alla società Enereco di 360.000 euro ora chiede la restituzione di una somma analoga». In merito poi alla vicenda giudiziaria a carico del sindaco, Romagna lo ha invitato «A fare un passo indietro fino alla definizione di tale procedimento». Richiesta respinta con decisione da Spigolon che dichiarandosi «stupito e deluso per l’interrogazione parlamentare del M5S al ministro della giustizia», ha definito la propria rielezione a sindaco «una sentenza favorevole sul piano morale da parte dei cittadini». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Felice Busato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1