CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.02.2018

Riparte il “Borsa” dopo l’abbandono Diventerà bistrot

Lanciato un bando provinciale per il recupero del Borsa.  MASSIGNAN
Lanciato un bando provinciale per il recupero del Borsa. MASSIGNAN

Potrebbe essere la volta buona per il recupero e la riapertura del caffè Borsa. Sull’argomento la prudenza è d’obbligo, considerando gli oltre dieci anni trascorsi dalla chiusura del bar e valutando le innumerevoli occasioni in cui è stato annunciato un avvio dei lavori che, a oggi, rimane un miraggio. Tuttavia, il bando emesso dalla Provincia in qualità di Stazione unica appaltante mette dei punti fermi alla situazione stabilendo una data precisa per la presentazione delle domande - il 23 febbraio - e indicando i termini del contratto. “Procedura aperta per l’affidamento in concessione mediante project financing dei lavori di restauro del Caffè Borsa del Comune di Lonigo e della gestione del servizio bar/bistrot”, così si intitola il dispositivo provinciale che invita i soggetti interessati a presentare un’offerta economica per la riapertura dello storico locale di proprietà comunale. L’importo complessivo a carico del concessionario è di 600 mila 953 euro, di cui 395 mila per lavori e il resto per oneri di progettazione e fiscali. La durata massima della convenzione è di 30 anni. Chi concorre alla gara dovrà indicare l’offerta per l’importo del canone da versare al Comune - la cui base di partenza è di 6 mila euro annui - e precisare la durata dei lavori, fissati in fase preliminare in 180 giorni per la progettazione definitiva e in 420 giorni per l’esecuzione delle opere. I parametri sopra indicati sono quelli stabiliti da una società privata proponente che nel luglio del 2016 si è offerta di predisporre un progetto di ristrutturazione ottenendo in cambio il diritto di prelazione. Il bando provinciale conferma l’accordo aggiungendo che, se il proponente non eserciterà il suo diritto, otterrà di ritorno le somme spese per la proposta. Il sindaco di Lonigo Luca Restello non nasconde la sua soddisfazione. «Finalmente la gara per l’appalto è aperta e ora sta al mercato dare una risposta positiva ed esauriente al progetto di finanza - è il commento - A noi la soddisfazione e l’orgoglio di poter ridare alla città il suo antico cuore pulsante, mura che raccontano storie di un tempo che non c’è più e raffinata location di una vita sociale d’altri tempi che ci auguriamo di poter rivivere. Un plauso va anche agli uffici provinciali e alla ditta proponente, che hanno dimostrato un grande interesse per la salvaguardia di un bene pubblico come il Bar Borsa». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lino Zonin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1