CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.09.2017

“Mamme no Pfas”
Medico e vescovo
in un doppio incontro

Serie di incontri sui Pfas
Serie di incontri sui Pfas

Il comitato “Mamme no Pfas” dà avvio alla campagna d’autunno per sensibilizzare le autorità e la cittadinanza sul problema dell’inquinamento dell’acqua pubblica da perfluoroalchilici. Due gli appuntamenti programmati in rapida successione, a partire da domani nell’aula magna dell’Istituto comprensivo Carlo Ridolfi di viale della Repubblica dove, alle 20.30, si terrà un incontro con Vincenzo Cordiano, medico ematologo, rappresentante regionale di “Medici per l’ambiente” e responsabile degli ambulatori di ematologia generale e oncoematologia all’ospedale di Valdagno. Il giorno dopo, venerdì, alle 20.45 al cinema teatro Verdi del Centro parrocchiale, l’ospite d’onore sarà il vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol. In entrambe le occasioni i genitori che fanno parte del comitato ribadiranno la necessità per ottenere quanto prima delle risposte concrete ed efficaci che pongano rimedio alla gravissima contaminazione. L’allarme è salito alle stelle dopo l’esito delle analisi del sangue compiute sulla popolazione più giovane, dalle quali emerge una presenza di inquinanti enormemente superiore rispetto alle quantità ammesse dalla legge. Già previsto inoltre un terzo incontro sul tema , fissato per domenica 1 ottobre, quando sarà la volta di Robert Bilott, l’avvocato americano che ha intrapreso una lunga battaglia legale contro la multinazionale DuPont, sotto accusa nello stato dell’Ohio per un caso di inquinamento analogo a quello verificatori nel Vicentino. L’incontro è patrocinato dal Comune di Lonigo e si svolgerà al teatro Comunale.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1