CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.08.2017

Lo sfogo del maresciallo
«Basta offese sui social»

La stazione dei carabinieri  competente per Lonigo,  Sarego e Alonte
La stazione dei carabinieri competente per Lonigo, Sarego e Alonte

Alla fine il maresciallo si è stancato, ha preso carta e penna - metaforicamente, s’intende - e ha risposto per le rime a chi su Facebook spara a zero contro l’operato dei suoi uomini. Lo ha fatto in tono pacato ma deciso, replicando puntualmente alle accuse e chiudendo la sua requisitoria con un avvertimento.

Protagonista dello sfogo, piuttosto insolito per un rappresentante dell’Arma, è il maresciallo maggiore Benedetto Carcangiu, comandante della stazione dei carabinieri di Lonigo, anche lui iscritto al gruppo di fb “Sei di Lonigo se...” dove sono apparse aspre critiche nei confronti delle forze dell’ordine.

«Questo comando - si legge nel post - riceve numerose richieste di interventi durante tutto l’arco della giornata, per i più svariati motivi: furti, scippi, truffe, spaccio e consumo di droghe, disturbi alla quiete pubblica, risse, liti in famiglia, allarmi in banche, negozi o abitazioni che suonano ad ogni ora il più delle volte senza motivo, incidenti stradali, segnalazioni di auto o di persone sospette, e così via. Tutti vogliono una risposta e subito. E sarebbe sacrosanto diritto di tutti ricevere tempestivo aiuto dalle forze dell’ordine quando ne viene fatta richiesta. A volte si può fare, molto spesso invece è impossibile».

Rispondendo a un signore che lamentava un mancato intervento a seguito di una sua chiamata, Carcangiu scrive: «In quel preciso momento, da tutt’altra parte, una ragazza in preda a crisi isteriche, armata di coltello, pareva avesse intenti suicidi. Ora si converrà che, tra i due, l’intervento più urgente era quello di salvare la ragazza. Se l’autore del post avesse voluto delle spiegazioni le avrebbe ottenute, ma oggigiorno è più facile esternare il proprio disappunto sul social piuttosto che chiedere spiegazioni ai diretti interessati, lasciando passare il messaggio, sbagliato, che ci eravamo disinteressati di lui».

«Lonigo - prosegue il maresciallo - ha problemi di criminalità e degrado come dappertutto, ma questa non è una valida scusante per non migliorare le condizioni di sicurezza» e poi precisa «ma nemmeno si deve dipingere questa cittadina come covo di ladri, spacciatori e immigrati clandestini, questi ultimi veramente pochi».

Poi, l’avviso: «La diffamazione è un reato grave che prevede, oltre alla condanna, il risarcimento del danno morale. Non lascerò più correre e qualsiasi post offensivo o lesivo dell’Arma che rappresento e di altre istituzioni verrà denunciato all’Autorità Giudiziaria. Tutti hanno il diritto di esprimere la propria opinione ma rimanendo nei limiti del rispetto reciproco».

Gli iscritti al forum hanno espresso un generale apprezzamento alle parole del maresciallo, manifestando ampio sostegno ai carabinieri.

Lino Zonin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1