CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

26.10.2017

Impianti sportivi
Maxi progetto
con i soldi kazaki

Il primo prospetto della futura Cittadella dello Sport, un progetto da 8 milioni di euro. ZONIN
Il primo prospetto della futura Cittadella dello Sport, un progetto da 8 milioni di euro. ZONIN

L’idea della Cittadella dello Sport, cavallo di battaglia elettorale del sindaco Luca Restello, entra nella fase progettuale con la presentazione di un prospetto che ne illustra i caratteri generali. Un progetto da 8 milioni di euro, che potrebbe vedere la luce anche grazie ad investimenti esteri, nello specifico in arrivo dal Kazakistan. È l’idea del primo cittadino, sulla scia di un gemellaggio che sta portando avanti con Aktau, città petrolifera sul Mar Caspio.

FONDI ESTERI. «La spesa prevista – spiega Restello - si aggira complessivamente sugli 8 milioni di euro. Pensiamo di raccoglierla utilizzando i 2 milioni di avanzo che abbiamo attualmente in cassa, più i 2,5 che potremo incassare vendendo le quote azionarie della società partecipata Unicoge. Per la fetta che manca, si ricorrerà ai prossimi avanzi di esercizio e a un auspicato intervento degli sponsor». «Qualche settimana fa - aggiunge - ho effettuato un viaggio in Kazakistan per consolidare il rapporti avviati quest’estate con la presenza a Lonigo, in villa San Fermo Pavoniani, di un gruppo di studenti di quel Paese. Ad Aktau, importante città petrolifera sul Mar Caspio, ho incontrato le autorità cittadine e alcuni imprenditori che potrebbero essere interessati a rilevare la gestione degli impianti sportivi presenti nella nostra Cittadella dello Sport. L’idea è di affidare ai finanziatori kazaki la conduzione in economia delle strutture sportive, dalla quale potrebbero ricavare le risorse necessarie per recuperare i fondi investiti. Le prospettive sono molto buone, come conferma l’ipotesi di gemellaggio tra le due città al quale stiamo lavorando».

IL PROGETTO. Tra i numerosi interventi in programma, il più ambizioso è la costruzione di un nuovo palazzetto dello sport al posto dell’ex bocciodromo comunale. Una nuova struttura dotata di un parquet in grado di ospitare tutte le specialità indoor, con una gradinata per 340 persone. Il Tennis Club Lonigo avrà altri due campi da gioco scoperti che verranno costruiti nello spazio attualmente occupato dai box della pista da speedway. Il paddock della famosa pista di Santa Marina si sposterà sulla curva opposta, dove un tempo c’era l’ecocentro comunale. Lo speedway italiano sta attraversando un momento piuttosto difficile ed è per questo che i progettisti pensano di restituire alla pista di Santa Marina quel ruolo di contenitore per i maxi concerti rock che ha avuto, per una breve stagione, alla metà degli anni Ottanta. Per poter allestire spettacoli in grado di accogliere fino a 10 mila spettatori è necessario garantire nuove vie di fuga: ecco allora che due ampie scalinate si apriranno sul lato ovest dell’anello per consentire il deflusso del pubblico in caso di emergenze verso il campo di calcio. Anche per quest’ultimo impianto si annunciano sostanziali modifiche. Sparirà la pista di atletica, ormai fatiscente, e verrà mantenuto solo il rettilineo dei 200 metri davanti alla tribuna. A questa verrà applicata una copertura parziale mentre la parte al piano terra sarà ristrutturata con la creazione di nuovi spogliatoi e di locali di servizio. Tra il campo da calcio e la piscina verrà realizzato un nuovo fabbricato da adibire a bar e ristorante, in grado di servire gli utilizzatori dell’intera cittadella. L’intento è infatti di abbattere le barriere che attualmente chiudono le diverse strutture sportive per creare un campus aperto. Accanto al ristorante troverà posto una parafarmacia specializzata nella vendita di integratori e prodotti per gli sportivi. Per la piscina si potrà intervenire solo dopo la fine del 2019, quando scadrà la convenzione attualmente in essere con il gestore.

L’idea è di valorizzare più il divertimento che la parte agonistica, con scivoli e attrazioni acquatiche.

Lino Zonin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il 17 dicembre si voterà per la fusione di Barbarano e Mossano. Sei d'accordo di creare un unico Comune?
ok