CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.05.2018

L’ordinanza di sgombero infiamma il Consiglio

Uno scorcio della piazza con vista sul Municipio di Nanto. ARCHIVIO
Uno scorcio della piazza con vista sul Municipio di Nanto. ARCHIVIO

Un Consiglio comunale maratona a Nanto. Un’estenuante seduta di oltre quattro ore, dalle 19 alle 23, da far venire in mente il film “Non si uccidono così anche i cavalli?” di Sydney Pollack. Due ore sono servite solo per arrivare all’approvazione del rendiconto di gestione 2017, perché i gruppi di opposizione M5S e Uniti per Nanto hanno chiesto spiegazioni e chiarimenti su ogni singola voce di spesa, costringendo il sindaco Ulisse Borotto a rispondere e a districarsi in una selva di numeri e documenti. Poi, tra divagazioni, mozioni e convenzioni da sciogliere o approvare, la seduta consigliare è approdata finalmente all’ultima voce all’ordine del giorno, una interpellanza presentata dal gruppo Uniti per Nanto, relativa ad una diffida di sgombero inviata alla Pro loco da parte del sindaco. In pratica, una coda alla polemica sorta riguardo al materiale giacente nella ex scuola materna che aveva visto i gruppi di opposizione accusare il sindaco di aver favorito un privato cittadino. A seguito del sopralluogo effettuato nell’ex scuola materna, è risultato che c’era dell’altro materiale giacente, attribuito alla Pro loco, per cui sindaco ha predisposto la diffida affinché venisse rimosso anche quel materiale. Si tratterebbe in realtà di materiali di “Sprizzando”, un gruppo di giovani nato all’interno degli organizzatori della sagra di Nanto, ora non più operativo, che avrebbe lasciato questo materiale alla Pro loco. Nell’interpellanza di Uniti per Nanto, un fluviale documento espresso in un linguaggio degno dell’antilingua di calviniana memoria, si sottolinea il fatto che il sindaco non può trattare un’associazione al pari di un di privato cittadino. Poi accusandolo di essere poco informato o documentato sui fatti inerenti il materiale depositato, l’interrogazione ha travalicato l’oggetto del contendere dilungandosi in una analisi complessiva del modo di operare del sindaco Ulisse Borotto il quale a sua volta ha risposto punto su punto, difendendo il proprio operato come sindaco e come cittadino di Nanto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Albano Mazzaretto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1