Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
26 luglio 2014

Ultima Ora

Chiudi

18.03.2014

Alex, divorato dal batterio killer
Perde le due gambe e un braccio

Alex Lewis, nel letto d'ospedale dove è stato ricoverato per colpa di un batterio killer che l'ha divorato
Alex Lewis, nel letto d'ospedale dove è stato ricoverato per colpa di un batterio killer che l'ha divorato
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

STOCKBRIDGE. Quello che sembrava un banale raffreddore si è trasformato in un batterio killer che lo sta letteralmente divorando e che ha rischiato di ucciderlo. E' la storia incredibile di Alex Lewis, un giovane di 34 anni, padre di Sam, un bimbo di tre anni e appassionato golfista. L'uomo nel novembre scorso si ammala di raffreddore, dopo qualche tempo vedendo che non guarisce e anzi, che la malattia si aggrava si fa ricoverare in ospedale dove i medici del Royal County Hospital, a Winchester emettono il terribile verdetto: l'uomo ha contratto un'infezione del sangue a causa di un batterio solitamente innocuo, lo streptococco. Ma quando l'infezione si trasforma in setticemia la situzione diventa drammatica, il batterio inizia a divorare Alex che in pochi mesi perde entrambe le gambe e un braccio, oltre a danni devastanti alla pelle, al viso. Tutta colpa di questo carnivoro bug. I medici lo avvertono che ha soltanto il 3 per cento di possibilità di sopravvivenza. Parlando dal suo letto d'ospedale Alex Lewis ha ricordato come andò a letto presto quella notte di novembre con una sensazione di malessere: "Mi risvegliai alle 2 del mattino e mi accorsi che c'era sangue nelle urine, la pelle era diventata viola, gli occhi dilatati. Alla fine sono sopravvissuto e spero un giorno di camminare di nuovo su protesi alla "Blade Runner". In un modo strano è la cosa più incredibile che abbia mai vissuto".

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Commenti (0)

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

Il meteo

Vicenza

Viaggio in redazione

Tendenze su Twitter

Facebook

Twitter

Sondaggio

Siete favorevoli ad organizzare concerti pop-rock al teatro Olimpico?
Il teatro Olimpico
ok