Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 dicembre 2014

Veneto

Chiudi

16.06.2013

Il Governo sblocca i soldi per la Pedemontana

SUPERSTRADA. Nel decreto “fare” anche un credito d'imposta per le opere
Lo chiedeva la Regione per far quadrare i conti

Il cantiere della Pedemontana veneta a Sarcedo-Montecchio P.
Il cantiere della Pedemontana veneta a Sarcedo-Montecchio P.
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenti 2

A sorpresa spunta la Pedemontana veneta dal “decreto fare” che il governo Letta ha esaminato ieri sera in Consiglio dei ministri. Nel capitolo “infrastrutture” infatti figura un contributo generale di 3 miliardi - il che, facevano sapere ieri sera da palazzo Chigi, mira a creare 30mila nuovi posti di lavoro (20 mila diretti, 10 mila indiretti) - e 2,03 miliardi sono destinati a un fondo creato «per consentire la continuità dei cantieri in corso o per l'avvio di nuovi lavori». Ebbene, nella lista delle opere comprese ci sono anche «gli assi autostradali della Pedemontana Veneta e Tangenziale Esterna Est di Milano», recita la nota del Governo. Non è chiaro quale sia la cifra che verrà stanziata per la Pedemontana veneta, che come noto sarà una superstrada a pedaggio realizzata in “project financing” ma si regge anche su una fetta di finanziamento pubblico, ma il pensiero va subito alle difficoltà incontrate tra Regione e costruttori (consorzio Sis) per giungere al “closing” dell'operazione, cioè a far quadrare tutto il piano finanziario in modo da tranquillizzare anche le banche che devono erogare i finanziamenti per quest'opera da oltre 2 miliardi di euro. «Abbiamo incontrato il Governo nei giorni scorsi - si limitava a dire ieri sera il commissario governativo per la realizzazione dell'opera, il dirigente regionale Silvano Vernizzi - facendo presente la nostra necessità. Ora vedremo se la cifra chiesta ci è stata concessa, ma se anche sarà minore troveremo il modo di chiudere il quadro finanziario». «Quello che contava soprattutto per noi, che abbiamo segnalato a Roma la situazione della Pedemontana veneta in parallelo alle esigenze segnalate da Milano per quella lombarda - diceva sempre ieri sera l'assessore regionale alla mobilità Renato Chisso - era la richiesta di sgravi fiscali: ora verificheremo di averli ottenuti». Il decreto in effetti stabilisce che «per incentivare la realizzazione di infrastrutture di importo superiore ai 200 milioni con contratti di partenariato pubblico-privato che non prevedono contributi pubblici a fondo perduto, è riconosciuto al titolare del contratto un credito di imposta a valere sull'Ires e Irap e l'esenzione dal pagamento del canone di concessione nella misura necessaria al raggiungimento dell'equilibrio del piano economico-finanziario». La Pedemontana veneta insomma sta per superare un altro ostacolo verso la sua realizzazione.

Piero Erle
Commenti (2)

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Commenti (2)

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

    pagine 1 di

Il meteo

Vicenza

Dove andiamo questa sera

Teatro
Spettacolo Teatrale "In nome della Madre"
Theama Teatro, con il patrocinio della Città di ...
Feste
I Grandi Bolliti
Serata a tema Data evento 21/12/2014 Descrizione Domenica ...
Teatro
Lo Schiaccianoci
dal Teatro Bolshoi di Mosca coreografie di Yuri ...

Viaggio in redazione

Tendenze su Twitter

Facebook

Twitter

Sondaggio

A Natale pranzate a casa o al ristorante?
Il cappone natalizio
ok