Muore sulla bici il patron della Wilier

23/01/2010
Zoom Foto
Lino Gastaldello con la bicicletta di Pantani

Vicenza. La bicicletta è stata la sua vita e la sua morte. Lino Gastaldello, fondatore e presidente della Nuova Wilier Triestina ha perso la vita stamane in un incidente con un’auto mentre stava effettuando un giro sull’amatissima bici da corsa. Gastaldello, 71 anni, quattro figli, abitava a Rossano. L’incidente è accaduto verso le 10,30 a Ca’ Rainati di San Zenone. L'imprenditore stava percorrendo il tratto della provinciale 121 denominato via Marini, diretto da Ca’ Rainati verso San Zenone. Arrivato all’altezza di via Perosina, nei pressi del ristorante Martini, almeno secondo una prima ricostruzione dei fatti, il ciclista ha svoltato a sinistra per imboccarla. Proprio in quel momento è sopraggiunta dal senso opposto di marcia un’auto condotta da un cittadino macedone. Si trattava di una Ford condotta da H.D., di 25 anni, che risiede a Mussolente. L’impatto fra l’auto e la bicicletta è stato molto violento, tant’è vero che Lino Gastaldello è letteralmente volato per una trentina di metri, prima di piombare sull’asfalto.

L’allarme è stato immediato e sul posto sono arrivati i sanitari del 118 di Crespano, che si sono resi conto subito della gravità della situazione. Lino Gastaldello è stato stabilizzato e gli sono state prestate le prime cure sul posto. É stato quindi intubato è trasportato in ambulanza all’ospedale di Castelfranco Veneto, dov’è stato sottoposto ad una serie di accertamenti e alle cure, nel tentativo di salvargli la vita. Le lesioni riportate nel drammatico incidente però erano troppo gravi e la pur forte fibra del presidente della Wilier Triestina non ha resistito. Un paio d’ore dopo l’incidente il suo cuore ha cessato di battere.

Sulle cause del sinistro sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri di Fonte e della polizia locale di San Zenone. La notizia del tragico incidente s’è presto sparsa nell’ambiente sportivo, lasciando tutti sgomenti. Gastaldello era un personaggio di spicco nel mondo delle due ruote e con la sua attività aveva riportato in auge un’azienda che da decenni è un fiore all'occhiello dell’industria e dello sport italiani. Gastaldello amava la bicicletta e praticava il ciclismo. Aveva rilevato lo storico marchio Wilier sull'orlo del fallimento negli anni '70. Con le sue biciclette hanno corso Marco Pantani e oggi l'ex campione del mondo Alessandro Ballan.




commenti

partecipa. inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.