giovedì, 22 giugno 2017
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

15.01.2011

Wikipedia, compie 10 anni
il sogno dell'enciclopedia totale

Il creatore, Jimmy Wales
Il creatore, Jimmy Wales

In dieci anni ha scardinato il concetto di enciclopedia, trasferendo online il sapere globale sotto forma di un immenso archivio a cui tutti possono non solo accedere, ma per la prima volta anche contribuire: è la rivoluzione Wikipedia, l'enciclopedia online "libera" e gratuita che proprio oggi festeggia il suo decimo compleanno.
Strumento di informazione consultato da quasi 400 milioni di persone di tutto il mondo, spesso citato come fonte - e non senza episodi controversi - anche dai media e da istituzioni accademiche, Wikipedia è sinonimo di sapere per tutti a portata di click, e, nella percezione comune, è diventata anche uno dei pilastri di Internet, insieme a Google e Facebook.
L'INTUIZIONE. Nata da un'intuizione di Jimmy Wales e Larry Sanger, Wikipedia vide la luce il 15 gennaio 2001 come progetto complementare di Nupedia, piattaforma ormai defunta che aveva scopo analogo ma la cui redazione era affidata a esperti. A distanza di pochi mesi la piattaforma cominciò a prendere piede, con il lancio di altre 13 versioni in altrettante lingue, fra cui l'italiano. Dal 2003 è gestita dalla Fondazione Wikimedia, organizzazione no profit di San Francisco che si occupa anche di altri progetti 'wikì, come Wikiquote e Commons, Basata sui contenuti prodotti dagli utenti e sulla tecnologia "wiki", termine hawaiano che vuol dire "veloce", Wikipedia consente a chiunque sia collegato in rete di creare voci e modificare o aggiornare pagine esistenti. In dieci anni ha lanciato edizioni in quasi 280 lingue e oggi contiene 17 milioni e mezzo di articoli e più di 66 milioni e mezzo di pagine web.
La versione in inglese è quella con il maggior numero di voci, oltre tre milioni e mezzo, mentre quella italiana ne conta oltre 760 mila. Con circa 60 milioni di accessi al giorno, è fra i primi maggiori dieci siti al mondo.
Se da alcuni è considerata una fonte enciclopedica la cui precisione rasenta quella dell'Enciclopedia Britannica, da altri Wikipedia è guardata con sospetto proprio per la natura "dal basso" del suo sapere collettivo. Le critiche sono arrivate anche dall'interno, con lo stesso co-fondatore Sanger che definì Wikipedia inaffidabile e ne abbandonò il progetto dopo qualche anno. La Fondazione Wikimedia ha affrontato quotidianamente polemiche sull'attendibilità delle fonti, in seguito alla pubblicazione di errori e bufale più o meno eclatanti, e nel tempo ha cercato di migliorare i meccanismi di trasparenza a verificabilità dei contributi.
LE IMITAZIONI. Davanti alla forza dirompente di un progetto come Wikipedia sono stati tanti i tentativi di clone, ma anche i soggetti illustri che con progetti analoghi hanno dichiarato la resa: dall'enciclopedia online Encarta (accessibile con abbonamento) di Microsoft a Google Knol. Proprio il colosso di Mountain View tra l'altro un anno fa donò alla Fondazione Wikimedia due milioni di dollari.
Quello di oggi per Wikipedia non sarà un compleanno come un altro: il decennale verrà festeggiato in pompa magna dai "wikipediani" di tutto il mondo, Italia compresa, con centinaia di eventi. Tutti i preparativi e le iniziative in programma sono raccolte su ten.wikipedia.org, sito creato ad hoc per la ricorrenza. Che il 2011 fosse un anno speciale è stato chiaro fin da subito con la notizia degli oltre 16 milioni di dollari raccolti in 50 giorni dalle donazioni di 500 mila persone di 140 Paesi, una delle maggiori raccolte fondi per l'enciclopedia online. Un traguardo che le consentirà di restare libera e gratuita - e di non dover raccogliere pubblicità - almeno per un altro anno.

Stefania Passarella
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Ius soli: in Parlamento si discute il disegno di legge sulla cittadinanza ai figli di stranieri nati in italia. Cosa ne pensate?
ok

Racconti d'Estate

VIAGGI

ANIMALI & CO