16 febbraio 2019

Veneto

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

16.01.2019

Veneto Banca
Sequestrati 45 mln
all'ex a.d. Consoli

L'ex a.d. di Veneto Banca, Vincenzo Consoli
L'ex a.d. di Veneto Banca, Vincenzo Consoli

ROMA. La Cassazione, sentenza 1991 di oggi, conferma il maxi sequestro (finalizzato alla confisca) di beni mobili ed immobili fino alla concorrenza della somma di 45,425 milioni di euro nei confronti dell'ex amministratore delegato di Veneto Banca, Vincenzo Consoli, disposto dal Tribunale di Treviso. Vincolo confermato anche per il conto corrente presso il Banco popolare intestato alla moglie, con un saldo di 220 mila euro e dossier titoli di 4,7 milioni.

 

Alla base della misura cautelare, ricorda la V Sezione penale, la condotta volta ad ostacolare l'esercizio della funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza (Consob e Banca d'Italia), commesse in qualità di a.d. della banca, «comunicando un patrimonio di vigilanza non corrispondente al vero perché non decurtato del valore di una pluralità di operazioni che l'indagato aveva posto in essere con enti e persone fisiche con l'impegno, da parte della banca, di riacquisto degli strumenti finanziari ceduti», per un valore complessivo proprio di 45,425 milioni. In altri termini, l'indagato aveva compiuto una serie di operazioni su obbligazioni della banca «al fine di simulare un apprezzamento del mercato di tali strumenti finanziari il cui riacquisto veniva invece garantito dal Consoli, in nome della banca».

 

Non vi è quindi, scrive la Corte, «alcuna sproporzione fra i fatti illeciti compiuti e le somme sottoposte al vincolo, che, anzi, sotto il profilo monetario, coincidono perfettamente». Del resto, Veneto Banca, chiosa la decisione, dalle condotte di ostacolo alla vigilanza «aveva conseguito solo dei danni in quanto avevano contribuito a ritardare i rilievi della autorità e, in definitiva, ad accentuare lo squilibrio finanziario della banca».

 

La Corte ha così respinto l'eccezione di costituzionalità sollevata dalla difesa con riferimento alla intervenuta modifica dell'art. 187 sexies Dlgs n. 58 del 1998 ad opera dell'art. 4 Dlgs n 107 del 2018 che ha escluso la possibilità di precedere alla confisca, sia diretta sia per equivalente, dei beni utilizzati per commettere l'illecito amministrativo limitando la misura «al prodotto o al profitto dell'illecito». Il Legislatore, spiega infatti la Corte, «ha così riconfigurato la risposta sanzionatoria complessiva dei soli illeciti amministrativi, contemplati dal Dlgs n. 58 del 1998, lasciando invariata quella derivante dalla commissione delle condotte di rilievo penale, non disponendo analoga modifica dell'art. 187 TUF che, quindi, ancor oggi, consente la confisca, diretta e per equivalente, dei beni strumentali alla consumazione dei delitti di insider trading e di aggiotaggio». «Non si è creato pertanto - conclude sul punto - quell'unicum, rappresentato dalla sola disciplina prevista dall'art. 2641 cod. civ., in tema di confisca per equivalente dei beni utilizzati per compiere il reato, che il ricorrente denuncia per argomentare ulteriormente l'illegittimità costituzionale di tale norma». 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1