Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 agosto 2017

Sport

Chiudi

09.04.2017

Promosso in D
L'Altair festeggia
con lo spogliarello

Promosso in D l'Altair festeggia con lo spogliarello
Promosso in D l'Altair festeggia con lo spogliarello

VICENZA. Nel 2017 va così, prendere o lasciare. È arrivata l'ora di sdoganare l'obsoleta convinzione che, nel momento di festeggiare una promozione sportiva, facciano sorridere e siano bene accette solamente le gesta goliardiche maschili. Vogliamo la parità dei sessi? E allora largo all'iniziativa delle giovani atlete dell'Altair Vicenza, non solo brave per essere passate dalla prima divisione alla serie D con due giornate d'anticipo sulla fine del campionato, ma anche belle e spigliate per essersi messe in gioco con una foto che, nel bene e nel male, ha fatto scalpore. Soprattutto sui social, grazie ai famosi "leoni da tastiera" e a molte fanciulle un po' cattivelle. Tutti bravi a criticare lo scatto delle pallavoliste che, alla fine della partita vinta con il conseguente passaggio matematico di categoria, hanno onorato con un gran sorriso la parola data ad inizio stagione. «Lo scorso anno ci eravamo ripromesse una cosa: nel caso avessimo conquistato la serie D ci saremmo scattate una foto inusuale e goliardica - racconta la capitana del gruppo Alessia Acquafredda -. Così, con l'avverarsi di quello che per noi era un sogno, abbiamo voluto mantenere il patto sancito a inizio regular season».

 

Una fotografia che le ritrae in top nero (con le scarpe da ginnastica e le ginocchiere ancora indossate) e con un pallone da volley a coprire lo spazio lasciato libero dai pantaloncini. Nulla di osé, nemmeno a cercarlo con la lente d'ingrandimento. Neppure la location alle spalle fa pensare a qualcosa di volutamente studiato per essere provocatorio. Quello che invece vale la pena notare sono i giovani volti sorridenti di ragazze che, per ottenere questo risultato, hanno faticato e sacrificato molto. Viene da chiedersi perché tanto scalpore; fermo restando che se i protagonisti della foto fossero stati dei maschietti probabilmente gli applausi avrebbero superato i fischi di disapprovazione.

 

«I fidanzati e le famiglie hanno accolto questa foto con una risata, come ci si aspettava - prosegue la banda 26enne dell'Altair Vicenza-. Poi teniamo presente che io sono la più grande del gruppo: le altre ragazze hanno una media di 22 anni. Abbiamo postato lo scatto su Facebook per gioco, non ci aspettavamo di certo una lunga serie di commenti, molti dei quali da dimenticare. Non si vede nulla, non siamo nude e sui social si vede davvero molto di peggio. E poi va bene che se ne parli, ma non dimentichiamo il vero motivo della fotografia, ossia la promozione in serie D. Sono la capitana di questa squadra da qualche anno e posso dire di essere orgogliosa delle mie ragazze. Ce lo meritavamo davvero perché ci abbiamo creduto fino in fondo». Per sdrammatizzare la vicenda le ragazze allenate da coach Marco Di Domenico fanno sapere: «Abbiamo pensato di stampare la foto bella grande, di firmarla e di appenderla al muro dello spogliatoio per non dimenticare mai questa fantastica promozione». Forse, tra qualche mese, ci faranno sapere quale sarà la promessa che accompagnerà l'esordio nella serie D. 

Sara Marangon
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Rugby

Golf