Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 novembre 2018

Sport

Chiudi

02.09.2018

Il Vicenza ha i piedi buoni Gol, applausi e un po’ di rischi

L’impegno di Arma è stato premiato anche da una rete. FOTOSERVIZIO CISCATOL’1 a 0 realizzato da CurcioI biancorossi si felicitano con Arma, autore della seconda reteIl 3 a 0 firmato Laurenti. FOTOSERVIZIO DONOVAN CISCATO- STUDIO STELLA
L’impegno di Arma è stato premiato anche da una rete. FOTOSERVIZIO CISCATOL’1 a 0 realizzato da CurcioI biancorossi si felicitano con Arma, autore della seconda reteIl 3 a 0 firmato Laurenti. FOTOSERVIZIO DONOVAN CISCATO- STUDIO STELLA

I piedi buoni non mancano al nuovo Vicenza. Al di là di tutti i ragionamenti su equilibri tattici, condizione atletica e caratura degli avversari, l’amichevole vinta ieri a Caldogno per 3-0 contro il Montebelluna ha dato segnali inequivocabili. Segnali confortanti, se si considera che alla fine nel calcio spesso fa la differenza chi ha le doti tecniche più raffinate; segnali ancor più importanti in questo precampionato a Vicenza, dove il pubblico spera di tornare anche a divertirsi andando allo stadio, dopo anni di spettacoli troppo spesso avvilenti. INTESA CRESCENTE. L’avvio dell’amichevole di ieri, invece, è stata un bel vedere. Già al 2’ velenosa punizione di Giacomelli, respinta a terra sul primo palo dal portiere Secco. Un minuto più tardi ecco il gol, al termine di un’azione in velocità avviata dallo stesso Giacomelli sulla sinistra, con sponda di prima di Arma nel cuore dell’area per servire l’accorrente Curcio, subito fuori dal limite: colpo di biliardo, sempre di prima intenzione, e palla in rete sul secondo palo. Applausi convinti dei circa 500 spettatori per elogiare la combinazione perfetta tra i tre attaccanti biancorossi. ALI SPIEGATE. Si era già notato nelle precedenti amichevoli che la squadra di Colella ha un buon potenziale sulle fasce, valorizzato dal 4-2-3-1 che il tecnico ha adottato in questa fase iniziale della stagione. Una sensazione confermata anche ieri: non a caso tutte le azioni più pericolose del Vicenza sono arrivate dalle corsie esterne, dove i terzini Andreoni (destra) e Solerio (sinistra) salgono spesso e volentieri, trovando negli attaccanti esterni Laurenti (destra) e Giacomelli (sinistra) validi compagni d’avventura. Il Vicenza è andato vicino al raddoppio prima con un tiro-cross di Laurenti da destra (24’), poi con una giocata analoga di Solerio dall’altra parte (29’). I due hanno confezionato insieme la terza rete al 35’, con Laurenti pronto a depositare in fondo al sacco l’ottimo assist del terzino mancino al termine dell’ennesima incursione sul fondo. GLI SPECIALISTI. Due minuti prima (33’) c’era stato il raddoppio, con Giacomelli ed Arma che si sono esibiti in alcune delle loro “specialità della casa”: punizione pennellata al centro del numero 10 e palla schiacciata di testa in fondo al sacco dal centravanti. Curcio e Laurenti, inoltre, nel corso del primo tempo hanno più di una volta cercato e trovato anche il dribbling personale nello stretto, mentre il regista De Falco è andato sistematicamente a chiedere palla ai difensori per poi servire con lanci lunghi e precisi i compagni: tutti e tre saranno giocatori importanti per questa squadra, come il portiere Grandi, pronto alla deviazione sotto la traversa nell’unico tiro pericoloso dei trevigiani, scoccato da Del Colle al 19’. LE PECCHE. Naturalmente non è tutto oro quel che luccica. Come avevamo già evidenziato, il centrocampo numericamente esiguo e la presenza di tanti giocatori offensivi comportano maggiori rischi in fase di non possesso palla, soprattutto finché gamba e fiato devono ancora carburare al meglio. Anche ieri in un paio di occasioni il Vicenza ha aperto il fianco a ripartenze del Montebelluna che, con avversari di altra caratura, sarebbero state probabilmente pagate a caro prezzo. Lo stesso vale per un paio di sanguinosi e banali errori in fase di impostazione commessi nella propria metà campo. La squadra biancorossa può essere bella, ma non deve mai diventare presuntuosa o comunque leziosa nell’approccio: c’è da scommettere che Colella martellerà a dovere i suoi giocatori su questo aspetto. I GIOVANI E IL “VECCHIO”. Nella ripresa la girandola di cambi avviata dopo un quarto d’ora ha come sempre fatto un po’ perdere il filo del gioco. Si sono comunque segnalati per la loro intraprendenza il solito Tronco, un paio di volte vicino al gol, e il giovanissimo terzino sinistro della Berretti Enrico Rossi (classe 2001). Buono anche l’impatto nei primi venti minuti giocati dall’esperto difensore Mantovani, tornato al Vicenza come ultimo acquisto del mercato: là dietro tornerà molto utile. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Guiotto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
U. Triestina
20
Fermana
20
L.r. Vicenza Virtus
19
Pordenone
19
Ternana
18
Feralpi Salò
18
Imolese
17
Vis Pesaro
16
Ravenna
16
Sudtirol
15
Monza
15
Teramo
14
Giana Erminio
11
Gubbio
11
Rimini
11
Fano A.j.
9
Sambenedettese
8
Renate
8
Albinoleffe
7
Virtus Verona
7
Fano A.j. - Ravenna
1-1
Feralpi Salò - Virtus Verona
1-1
Giana Erminio - Sudtirol
0-0
L.r. Vicenza Virtus - Sambenedettese
1-0
Pordenone - U. Triestina
1-2
Renate - Imolese
1-0
Rimini - Fermana
2-0
Teramo - Albinoleffe
2-2
Ternana - Gubbio
3-0
Vis Pesaro - Monza
1-1

Rugby

Golf