Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
27 aprile 2017

Nuoto

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

05.04.2017

Detti fa storia:
dopo 17 anni
cade il record
di Rosolino

L’esultanza di Gabriele Detti
L’esultanza di Gabriele Detti

ROMA

Gabriele Detti prende il testimone di Massimiliano Rosolino nei 400 stile libero; Nicolò Martinenghi puntella il record italiano nei 50 rana; Luca Dotto, Ivano Vendrame, Alessandro Miressi e Filippo Magnini qualificano la 4x100 stile libero ai campionati mondiali di Budapest per difendere il bronzo di Kazan. Tre pass iridati, sei individuali conquistati agli assoluti in corso a Riccione.

La storia più bella è quella del bronzo olimpico e campione europeo che fa i 400 in 3’43”36, 4 centesimi meno del tempo con cui Rosolino conquistò l’argento olimpico il 16 settembre 2000. Sempre fluido, Detti non nasconde la gioia ma già sposta gli obiettivi in avanti: «Max è uno dei miei idoli più grandi. È un onore raccogliere il testimone», racconta. E credo di avere già un secondo e mezzo in meno nelle braccia».

Nicolò Martinenghi, varesino, 18 anni da compiere, vince invece i 50 rana in 27”09, dodici centesimi oltre il record italiano assoluto e mondiale juniores nuotato in batteria (26”97) ma quanto basta per andare nuovamente sotto al tempo limite iridato (27”90), che invece risulta 4 centesimi troppo alto per Fabio Scozzoli, vice campione mondiale nel 2011.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1