Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 dicembre 2017

Motori

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

18.04.2017

Ruggito Ferrari
Il mondiale adesso
non è più un sogno

Vettel bacia il trofeo; che trionfo in Bahrain
Vettel bacia il trofeo; che trionfo in Bahrain

ROMA

La dittatura Mercedes in pista è finita. La Ferrari c’è.

Il secondo successo stagionale, nel Gp del Bahrain, di Sebastian Vettel («la macchina era un sogno da guidare» l’esultanza in italiano del pilota tedesco) non vale solo per la classifica mondiale che ora il tedesco guida con 68 punti, 7 più di Lewis Hamilton, ma dice anche che la casa di Maranello ha le carte in regola per arrivare fino in fondo.

Ha una macchina perfetta, un pilota impeccabile, un team di meccanici affidabile, una strategia di gara finalmente vincente. Tutti ingredienti che hanno portato al secondo meritatissimo trionfo che vale il 2-1 sulla Mercedes, in affanno nei confronti del Cavallino rosso come non si vedeva da anni.

E che il Cavallino sia diventato un osso duro lo testimonia anche la strategia Mercedes che, per la prima volta dopo anni, ha imposto un ordine di scuderia ai suoi piloti, con Bottas costretto a farsi superare da Hamilton per cercare di fargli riprendere Vettel. Una decisione che svela soprattutto una nuova presa di coscienza contro un avversario che si preannuncia davvero ostico.

Migliore Pasqua insomma non poteva esserci per la scuderia italiana che a inizio stagione certo non pensava di regalarsi il secondo successo (e un secondoo posto) dopo appena tre gare disputate.

Per il tedesco (al 44esimo successo in carriera) e la Ferrari la conferma che la strada tracciata in Australia è più che mai quella giusta. Il divario tra le prestazioni delle «rosse», che hanno vinto a suon di giri più veloci, e le «stelle d’argento» non esiste più. E una conferma indiretta è arrivata anche dallo sconfitto: «Ho dato tutto e non potevo fare di più», le parole di Hamilton che può solo attaccarsi alla penalizzazione di 5” per avere creato un ostacolo a Ricciardo al primo cambio gomme. Il che nulla toglie alla straordinaria vittoria della Ferrari. «Per fare quello che abbiamo fatto serviva un pizzico di follia», le parole di Maurizio Arrivabene.

Ma è già tempo di concentrarsi sulla prossima gara del mondiale, il gp di Russia, a Sochi, fra due settimane.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Padova
34
Renate
30
Sambenedettese
29
Reggiana
26
Feralpi Salò
26
U. Triestina
25
Pordenone
25
Albinoleffe
25
Sudtirol
24
Fermana
22
Mestre
21
Gubbio
21
Vicenza
20
Ravenna
20
Bassano Virtus
19
Teramo
18
Fano A.j.
13
Santarcangelo
13
Fano A.j. - Fermana
1-0
Gubbio - Padova
1-0
Mestre - Sudtirol
0-1
Ravenna - Santarcangelo
3-1
Reggiana - Teramo
2-1
Renate - Pordenone
1-0
Sambenedettese - U. Triestina
1-1
Vicenza - Albinoleffe
1-1
Bassano Virtus - [ha Riposato]
Feralpi Salò - [ha Riposato]

Golf