Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
13 novembre 2018

Motori

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Motori

24.05.2018

Il Campagnolo tocca la quota 14

Una Lancia Delta Integrale alla partenza della scorsa edizione del rally Campagnolo. FOTO DI ARCHIVIO
Una Lancia Delta Integrale alla partenza della scorsa edizione del rally Campagnolo. FOTO DI ARCHIVIO

A metà strada del campionato italiano auto storiche, il Rally Campagnolo farà da spartiacque al tricolore, promuovendo i più meritevoli. Sarà una gara tosta, dura e impegnativa, con un percorso vecchia maniera e oltre 130 chilometri cronometrati. Ieri mattina, nella sala consiliare di Vicenza, è stato presentato il programma della manifestazione, giunta alla 14a edizione, che nulla ha da invidiare alle prime cinque edizioni andate in scena dal 1973 al 1977 e passate alla storia del motorismo nazionale. La gara è in calendario nei primi due giorni di giugno, con partenza da viale Roma e traguardo in piazza Marconi a Isola Vicentina. Due tappe, la prima in notturna, con quattro riordini e un parco assistenza a Schio, per complessivi 436 km. Non c'è gara storica, in Italia, con queste caratteristiche e il patron del rally, Renzo De Tomasi, lo ha ribadito con orgoglio. Al Campagnolo è vietato barare. Vince sempre il più forte. Con l'assistenza, fondamentale, di un pizzico di fortuna. Lucky per "firmare" l'albo d'oro ha impiegato più di quarant'anni. C'è riuscito dodici mesi fa, con la Lancia Delta che lo ha proiettato (e lo sta proiettando) verso l'ambito titolo biancorossoverde. Ha tutta l'intenzione di ripetersi e se ieri ha parlato del Campagnolo come Luigi Battistolli presidente di Aci Vicenza, evitando elegantemente previsioni, come pilota è già proiettato lungo le speciali che De Tomasi ha messo in fila e Rudy Dalpozzo (preziosa la sua collaborazione) ha controllato, cambiando il senso di marcia di Pedescala: non sarà più in salita ma in discesa, giusto per dare maggiori chances anche a chi non dispone di grandi cavallerie. I più attesi sono i "matti" del trofeo A 112 Abarth: quando la strada scende vanno come schegge. Start venerdì primo giugno, alle 15, da viale Roma. La prima prova è a Ignago, di quasi 11 km, con salita, falsopiano e discesa equamente distribuiti. Poi toccherà alla Valli del Pasubio (14,55 Km), da affrontare due volte di seguito. Ultima sfida, a sole spento e fari accesi, ancora ad Ignago. Ripresa delle ostilità sabato due giugno: tre prove speciali – Muzzolon (7.39 Km), Pedescala (12.91 Km) e Passo Xomo (20.61) - da infilare due volte e intervallate dal parco assistenza. Bandierina a scacchi alle 18.30. Contro Lucky si scateneranno tutti i più forti specialisti dei rally storici: dal plurivittorioso Da Zanche (Porsche Gruppo B) a Elia Bossalini (Porsche gruppo B), dal compagno di team Davide Negri al portacolori della Palladio Historic Paolo Nodari (Bmw M 3), passando per il battaglione del Team Bassano comandato da Mauro Valerio all'emergente Alberto Battistolli, al primo anno di attività agonistica seria, che sta crescendo a vista d'occhio con la Fiat 131 Abarth. Al suo fianco Gigi Cazzaro, perfetto anche nelle vesti di maestro. In coda al rally scatteranno gli equipaggi impegnati nella regolarità sport e nella regolarità a media. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Roberto Cristiano Baggio
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
U. Triestina
20
Fermana
20
L.r. Vicenza Virtus
19
Pordenone
19
Ternana
18
Feralpi Salò
18
Imolese
17
Vis Pesaro
16
Ravenna
16
Sudtirol
15
Monza
15
Teramo
14
Giana Erminio
11
Gubbio
11
Rimini
11
Fano A.j.
9
Sambenedettese
8
Renate
8
Albinoleffe
7
Virtus Verona
7
Fano A.j. - Ravenna
1-1
Feralpi Salò - Virtus Verona
1-1
Giana Erminio - Sudtirol
0-0
L.r. Vicenza Virtus - Sambenedettese
1-0
Pordenone - U. Triestina
1-2
Renate - Imolese
1-0
Rimini - Fermana
2-0
Teramo - Albinoleffe
2-2
Ternana - Gubbio
3-0
Vis Pesaro - Monza
1-1

Volley

Rugby

Golf