Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 settembre 2018

Sport

Chiudi

24.08.2018

Al via un Famila 4.0 Dieci nuove su 12 e un sogno europeo

Paolo De Angelis, direttore generale del Famila Schio
Paolo De Angelis, direttore generale del Famila Schio

Paolo Terragin SCHIO Il sipario s’è alzato, ma sul palco mancano le protagoniste. Al Famila è suonata la campanella, ma all’appello mancano davvero tante giocatrici. Assenti giustificate le azzurre impegnate con la Nazionale, quindi Lavender oltreoceano a lottare per l’anello dell’Wnba, Gruda in preparazione per il Mondiale, con la Francia, sfuggito per un nonnulla alle azzurre. C’erano Micovic, Fassina e la giovane italo-argentina Chagas. Oggi si aggiungeranno le atlete under 18 Viviani, Battilotti e Pierini agli ordini del duo Zanella-Silvestrucci. Vincent arriverà domenica. Le altre arriveranno, a scaglioni, a partire da fine mese: il 28 diranno “presente” Gemelos e la ritrovata Lisec ormai pronta al rientro dopo il trauma al tallone d’Achille. Il resto della truppa, vale a dire le cinque azzurre, arriverà due giorni dopo e finalmente si potrà lavorare in gruppo. Per la prima volta insomma ieri c’è stato un raduno anomalo, fra Nazionali e Wnba il Famila sarà al completo a fine settembre quando già si avvicina il primo impegno officiale: la Supercoppa Italiana. Ma Paolo De Angelis, pur ammettendo una certa difficoltà nella prima parte della stagione, guarda con ottimismo all’annata che, appunto, è iniziata ieri sera.«Inizio un po’ complesso – afferma il direttore generale della società arancione – dopo un’estate caratterizzata da tanti stravolgimenti e con l’ultima novità della gravidanza di Yacoubou, ripartiamo con una situazione altrettanto nuova per noi; soltanto 3 ragazze della prima squadra presenti al raduno e arrivi scaglionati. Questo non faciliterà il lavoro del nostro coach che avrà bisogno di tempo per amalgamare una squadra con 10 giocatrici nuove su 12. Ma noi siamo Schio e dobbiamo affrontare le difficoltà con energia e positività; lo scudetto sul petto comporta notevoli responsabilità e supereremo anche questa. Siamo tutti eccitati al pensiero di iniziare la stagione con tante nuove giocatrici e il gruppo dovrà pian piano conoscersi e consolidarsi». Aggiunge poi il dirigente pescarese: «Tutti,(atlete, staff, dirigenti e tifosi) abbiamo l’obiettivo di tirare fuori dalle ragazze il 100 per 100 e a questo proposito ho già potuto constatare la grande disponibilità e professionalità sia delle italiane che delle straniere con le quali siamo in continuo contatto. Questo è un Famila 4.0 proiettato al futuro, vista la giovane età di tante giocatrici, ma molto concentrato anche sul presente. Speriamo che i tifosi abbiano la possibilità di vedere un basket spettacolare e ...vincente». L’incontro di ieri sera è stato del tutto informale, caratterizzato dallo scambio di saluti fra le giocatrici presenti, i tecnici e la presidenza e soprattutto da molta curiosità fra i tifosi presenti. Il lavoro in palestra inizierà oggi, ovviamente sarà un inizio con un andamento lento, più che altro una verifica dello stato di forma delle giocatrici che durante l’estate non sono state impegnate in raduni o tornei. Quest’anno ci sarà un lavoro in più nella prima parte della stagione per lo staff tecnico: la squadra è stata completamente rinnovata e l’ultima defezione (legata alla maternità di Yacoubou) ha fatto rivedere i piani del tecnico francese che probabilmente nella sua testa aveva un certo tipo di gioco. In più servirà del tempo per trovare la giusta intesa con tutte le nuove giocatrici, con le straniere, e per loro anche un periodo di ambientamento nella nuova realtà scledense. Di certo non mancherà il supporto“morale” dei tifosi arancioni che dopo questa rivoluzione sognano già ad occhi aperti non solo in campo nazionale ma anche in Europa: la stella del decimo scudetto è già prenotata, il traguardo delle finali di Eurolega può essere alla portata delle arancioni. Un piazzamento di prestigio in Europa sarebbe effettivamente quella ciliegina sulla torta che la società da tempo insegue: in ambito nazionale, infatti, le arancioni da tempo fanno valere la loro forza. Ora quello che davvero ci vorrebbe sarebbe un acuto nella massima competizione continentale. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Terragin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Renate
3
Fermana
3
U. Triestina
3
Pordenone
3
Monza
3
Sudtirol
3
Ravenna
1
Gubbio
1
Albinoleffe
1
Giana E.
1
Imolese
1
L.r. Vicenza Virtus
1
Rimini
0
Ternana
0
Fano A.j.
0
Feralpi Salò
0
Teramo
0
Virtusvecomp
0
Vis Pesaro
0
Sambenedettese
0
Fermana - Virtusvecomp
2-0
Gubbio - Ravenna
1-1
Imolese - Albinoleffe
0-0
L.r. Vicenza Virtus - Giana E.
0-0
Monza - Feralpi Salò
1-0
Pordenone - Fano A.j.
2-1
Sambenedettese - Renate
0-2
Sudtirol - Teramo
1-0
Ternana - Rimini
U. Triestina - Vis Pesaro
2-0

Golf