Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 novembre 2018

Sport

Chiudi

04.09.2018

Gnocco Bike per duri L’abbuffata di fango sazia Pettinà e Specia

Alcuni protagonisti della dodicesima edizione della Gnocco Bike disputata a Trissino. FOTO CARIOLATO
Alcuni protagonisti della dodicesima edizione della Gnocco Bike disputata a Trissino. FOTO CARIOLATO

Aristide Cariolato TRISSINO Fango e pioggia hanno caratterizzato la 12ª edizione di Gnocco Bike, valida come prova del campionato provinciale Fci, disputata domenica a Selva, frazione collinare di Trissino. Nonostante le avversità climatiche, sono stati ben 220 i partecipanti. Il trofeo “Moving”, che viene assegnato al biker con il miglior tempo assoluto, fra gli uomini è stato appannaggio del vicentino Nicholas Pettinà (CS Carabinieri), che ha compiuto i tre giri (4,500 km al giro) del percorso in 1h 8’46”, e, fra le donne, dalla pordenonese Giada Specia (Team Velociraptors), 1h 03’46” (un giro in meno). Lungo il percorso ad anello intorno al centro abitato della frazione, caratterizzato da tratti di bosco e di prato, si è gareggiato in mezzo al fango a seguito della pioggia battente, caduta per tutta la notte, tanto che il disegnatore del tracciato, Sereno Pellizzaro, si è alzato di buon mattino e con la collaborazione degli uomini del team Bike Fortuna ha modificato il percorso originale prima della partenza, riducendone la distanza di oltre mezzo chilometro, togliendo i tratti resi pericolosi dalla pioggia. Al traguardo i visi dei biker erano una maschera di fango. La difficoltà del tracciato ha impegnato severamente le energie dei corridori, per cui i distacchi fra i primi si sono sempre racchiusi in una manciata di secondi. Come quello inferto da Pettinà a Vidoni, secondo arrivato, che è stato di appena 19”. «A metà dell’ultimo giro ero quarto dietro a Vidoni, Medvedev, Franzoi e Alvarez – racconta Pettinà - Ho dato un’accelerata e sono riuscito a staccarli di alcuni secondi quanti sono bastati per arrivare solo al traguardo. Quello di Selva resta un percorso molto valido sotto l’aspetto tecnico». «Sono partita subito in testa per non correre rischi – ha detto la vincitrice Specia – e sono riuscita a stare davanti fino al termine, anche se ero sempre tallonata dalla Zarantonello. Ho dovuto percorrere alcuni tratti a piedi, perché le ruote scivolavano nel fango. È stata dura, ma sono contenta». La numerosa presenza degli esordienti ed allievi, oltre un centinaio alla partenza, ha evidenziato che il mtb gode di buona salute. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Aristide Cariolato
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Fermana
23
Pordenone
22
U. Triestina
21
L.r. Vicenza Virtus
20
Ternana
19
Vis Pesaro
19
Imolese
18
Feralpi Salò
18
Ravenna
17
Sudtirol
15
Monza
15
Teramo
14
Giana Erminio
12
Gubbio
12
Rimini
12
Sambenedettese
11
Albinoleffe
10
Virtus Verona
10
Fano A.j.
9
Renate
8
Albinoleffe - Renate
2-0
Fermana - Fano A.j.
2-1
Gubbio - Giana Erminio
1-1
Imolese - Ternana
0-0
Monza - Pordenone
0-2
Ravenna - Rimini
0-0
Sambenedettese - Feralpi Salò
2-0
Sudtirol - Vis Pesaro
0-1
U. Triestina - L.r. Vicenza Virtus
1-1
Virtus Verona - Teramo
2-0

Golf