19 febbraio 2019

Sport

Chiudi

08.02.2019

Romanzo del 900 Battistella e una vita passata in panchina

L’allenatore Maurizio Battistella con la moglie Cristina
L’allenatore Maurizio Battistella con la moglie Cristina

Raggiunge le 900, ora punta a quota 1000. Non stiamo parlando di nuove quote per accedere alle prestazioni pensionistiche; è semplicemente la storia del tecnico del Lonigo Maurizio Battistella che nella gara di domenica contro l’Alte ha collezionato la sua 900a presenza in panchina. Sambonifacese, Soave, Bonavigo, San Giovanni Ilarione, Valdalpone, Veronella, Villanova e appunto Lonigo: queste le squadre dove il “recordman della panca” ha lavorato durante i suoi 36 anni di onorato servizio (23 di settore giovanile e 13 di prima squadra). «Ho iniziato ad allenare a 17 anni le giovanili della Sambonifacese quando ancora giocavo. Fino al compimento dei 30 anni ho allenato e giocato ma a causa di un doppio infortunio al ginocchio e dopo il matrimonio ho deciso solo di allenare: era la cosa che più mi divertiva». Al raggiungimento di un traguardo così importante non potevamo non aprire l’album dei ricordi e ripercorrerlo insieme all’allenatore 54enne, che ha una sua idea sul ruolo di allenatore-giocatore. «Vista anche l’esperienza fatta posso dire che è una scelta che non condivido molto perché a mio parere si rischia solo di fare male l’una e l’altra cosa». Ha passato ben 23 stagioni a far crescere i giovani calciatori. Qual è stata la soddisfazione più bella? «Penso ci siano allenatori nati per vincere e altri nati per insegnare. Io faccio parte di questa seconda categoria e ritengo che la vittoria più bella sia la crescita costante dei ragazzi sotto tutti i punti di vista e che i vecchi allievi a distanza di molti anni si ricordino ancora di te: mi sono davvero emozionato, ad esempio, quando Nicola Valente (ora in forza alla Carrarese) in un’intervista ha annoverato tra i suoi maestri». Dall’alto della sua esperienza vede cambiato il calcio? «Negli ultimi anni si punta tanto sull’aspetto fisico, ma a mio parere a fare la differenza è ancora la tecnica». Si sente spesso dire che i ragazzi di una volta sono diversi da quelli d’oggi. Lei come la vede? «Sarò in controtendenza, ma il loro approccio non è cambiato: fino agli allievi vivono di calcio, la fame dunque in loro c’è ma poi tanto dipende anche da noi allenatori». Lei come sceglie il capitano? «Da qualche anno il capitano della mia squadra veste sempre la maglia numero 8: è un modo per ricordare il mio ex allievo Michel Casarotto morto a 17 anni in un tragico incidente stradale (nel novembre 2013 assieme ad altri due amici e un’amica –ndr-) avvenuto ad Arcole». Qual è il segreto per essere sempre sula cresta del’onda? «Passione, rispetto e professionalità: oltre alle ore passate in campo bisogna passarne altrettante ad aggiornarsi; se sono ancora quia divertirmi molto lo devo anche a mia moglie Cristina la quale mi spinge a proseguire anche perché quando sono via da casa –dice scherzosamente Battistella- è più tranquilla». Sfondato il muro delle 900 panchine qual è il suo prossimo obbiettivo? «Innanzitutto mi auguro di poter disputare un buon campionato con il Lonigo e a tal proposito ho già promesso ai ragazzi che se chiuderemo con un buon piazzamento la cena è dovuta. Festeggiate le 900 presenze da allenatore ora non sarebbe male puntare a quota 1000».

Francesco Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
54
U. Triestina
47
Feralpi Salò
46
Sudtirol
42
Imolese
42
Monza
40
Ravenna
39
Fermana
37
L.r. Vicenza Virtus
36
Sambenedettese
34
Vis Pesaro
33
Ternana
32
Gubbio
32
Renate
31
Rimini
30
Teramo
28
Fano A.j.
28
Giana Erminio
26
Albinoleffe
25
Virtus Verona
22
Feralpi Salò - Ravenna
3-0
Giana Erminio - Virtus Verona
1-1
L.r. Vicenza Virtus - Fermana
0-0
Renate - Pordenone
1-1
Rimini - Imolese
2-0
Sambenedettese - Fano A.j.
0-0
Sudtirol - Gubbio
4-0
Teramo - Monza
1-1
Ternana - U. Triestina
0-2
Vis Pesaro - Albinoleffe
0-1

Golf