22 marzo 2019

Sport

Chiudi

27.12.2018

Medaglia al Valbrenta, Montecchio maglia nera

Un’azione del Football Valbrenta nell’ultima partita di campionato disputata prima della sostaIl tecnico Paolo  Cazzola
Un’azione del Football Valbrenta nell’ultima partita di campionato disputata prima della sostaIl tecnico Paolo Cazzola

«Valbrenta? Il Cittadella dei dilettanti». Queste le parole con le quali Paolo Cazzola, navigato tecnico e da qualche anno presidente dell’assoallenatori di Vicenza, promuove a pieni voti la prima parte di campionato della squadra bassanese sin qui autentica rivelazione del torneo. Come è ormai di tradizione di questi tempi è giunto il momento delle tanto attese e temute pagelline e all’ex responsabile tecnico dell’Arzignano e del Chiampo – oltre che di numerose altre compagini tra le quali pure l’esperienza in terra veronese con il San Giovanni Ilarione - abbiamo quindi chiesto di salire in cattedra, armarsi di matita blu e rossa e di procedere con una valutazione tanto schietta e onesta quanto dettagliata sul cammino fin qui compiuto dalla tre “sorelle vicentine” impegnate in Eccellenza. Subito è arrivato il plauso alla squadra di Pontarollo che dopo aver fatto incetta di successi nella passata stagione ed essersi presentata ai nastri di partenza con l’appellativo di “Cenerentola” ha sin qui stupito tutti tanto da aver finora messo in saccoccia la bellezza di 24 punti ed essere dunque la quarta forza di un girone da tutti definito di ferro viste le partecipanti alla corsa. A proposito del girone A ecco innanzitutto un giudizio generale di Paolo Cazzola. «Penso sia un raggruppamento davvero tosto, il più duro e il più impegnativo degli ultimi anni vista la caratura di numerose squadre inserite». «Molte compagini, infatti, sono state costruite disponendo anche di potenzialità economiche davvero importanti con giocatori di qualità sopraffina; penso che la favorita numero uno per la vittoria finale, stando anche agli investimenti sostenuti negli ultimi anni, sia il Caldiero anche se l’Arcella (attuale capoclassifica) e il Vigasio le renderanno la vita assai dura a favore dello spettacolo: ci sarà insomma da divertirsi fino alla fine sia per quanto riguarda la lotta promozione che la corsa alla salvezza». Mettiamoci ora comodi e andiamo a scoprire i voti di Cazzola che per l’occasione ha vestito i panni del professore. FOOT. VALBRENTA (24 punti; 6 vittorie, 6 pareggi, 4 sconfitte). «Da anni la società bassanese sta dimostrando tutta la sua serietà e la sua solidità; i successi e gli ottimi risultati conseguiti nelle ultime stagioni non sono infatti assolutamente frutto del caso ma figli di una programmazione fatta da persone competenti e lungimiranti che si sono sempre mosse con grande umiltà, senza fare grosso clamore e senza praticamente mai sbagliare una mossa in un terreno spesso difficoltoso». «Per questo mi piace paragonare il Valbrenta al Cittadella che da anni si sta facendo valere in ambito professionistico. La squadra di Pontarollo è cresciuta pian piano mattoncino dopo mattoncino ed è una delle più belle realtà del torneo; dopo i fasti della passata stagione pensavo che in questo torneo il Valbrenta potesse disputare un campionato di transizione ed invece si sta ritagliando un ruolo importante meritando la palma di squadra rivelazione. Mi auguro possano continuare così”. Voto: 8. MONTECCHIO MAGGIORE (23 punti; 6 vittorie, 5 pareggi, 5 sconfitte). «Penso sia inutile negare che il Montecchio Maggiore stia disputando un torneo al di sotto delle aspettative di inizio stagione. Personalmente dai castellani mi aspettavo molto di più vista anche la qualità della rosa a disposizione di mister De Forni., che può contare su elementi del calibro di Tecchio, Vanzo, Calgaro e Casarotto; a questo punto della stagione pensavo di trovarli almeno entro i primi tre posti, ma va anche detto che il Montecchio ha pagato dazio per diversi infortuni». «Il distacco dalla vetta purtroppo è davvero importante e penso che gli undici punti di ritardo dalla fuggitiva Arcella estromettano i biancorossi dalla lotta per la promozione diretta». «Mi attendo comunque un grande girone di ritorno nel quale il Montecchio non avrà nemmeno l’impegno di Coppa Italia e sicuramente staccherà il pass per giocarsi tutto ai playoff». Voto: 5+. CALIDONENSE (19 punti; 4 vittorie, 7 pareggi, 5 sconfitte). «Dopo un avvio difficoltoso servito però per calarsi in fretta e furia nella nuova e importante realtà, i giallogranata si sono ripresi e sono stati protagonisti di un finale di girone davvero scoppiettante con due vittorie di fila; attenzione però a non mollare la presa o togliere il piede dall’acceleratore: la classifica è veramente corta (nel giro di 9 punti sono comprese ben 9 formazioni e la classifica è già spezzata in due tronconi) e una o due vittorie possono cambiare gli scenari in un battibaleno soprattutto nel girone di ritorno che come tutti sanno è sempre una guerra, tutti lottano e nessuno concede o regala più nulla». «La squadra di Clementi a mio parere dovrà cercare di comportarsi come una formichina raccogliendo punti ovunque e costruendosi così la propria fortuna. Il cammino verso la salvezza non sarà quindi facile, al contrario sarà faticoso e ricco di insidie ma penso che i giallogranata forti anche dell’entusiasmo di cui possono disporre abbiano le qualità e soprattutto le carte giuste da giocarsi per poter alla fine dell’anno brindare alla salvezza e giocare anche nel prossimo campionato in una categoria importante e difficilissima come è diventata l’Eccellenza». Voto. 6.5. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco Meneguzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
62
U. Triestina
54
Feralpi Salò
51
Imolese
50
Sudtirol
49
Monza
48
Ravenna
48
Fermana
43
L.r. Vicenza Virtus
40
Sambenedettese
40
Vis Pesaro
35
Ternana
35
Teramo
34
Gubbio
34
Giana Erminio
33
Albinoleffe
32
Renate
32
Rimini
32
Virtus Verona
32
Fano A.j.
29
Fano A.j. - Fermana
Feralpi Salò - Sambenedettese
1-1
Giana Erminio - Gubbio
4-0
L.r. Vicenza Virtus - U. Triestina
0-2
Pordenone - Monza
1-1
Renate - Albinoleffe
0-1
Rimini - Ravenna
0-1
Teramo - Virtus Verona
1-2
Ternana - Imolese
0-3
Vis Pesaro - Sudtirol
0-1