Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
11 dicembre 2018

Sport

Chiudi

19.11.2018

Davide beffa Golia E così Cartigliano fa secco l’Arzignano

La gioia incontenibile del Cartigliano nel lasciare il terreno di gioco, dopo aver colto un insperato bottino. FOTOSERVIZIO STELLA CISCATOIl gol dell’1-0 di Matteo FaresinUna spinta offensiva condotta da VanzanIl tiro di Andrea Stocco che porterà al secondo gol del Cartigliano
La gioia incontenibile del Cartigliano nel lasciare il terreno di gioco, dopo aver colto un insperato bottino. FOTOSERVIZIO STELLA CISCATOIl gol dell’1-0 di Matteo FaresinUna spinta offensiva condotta da VanzanIl tiro di Andrea Stocco che porterà al secondo gol del Cartigliano

Stefano Gobetti ARZIGNANO La giornata gialloceleste indetta dall’Arzignano Valchiampo si trasforma nella giornata biancoazzurra. E che giornata! Il Cartigliano con l’intero centrocampo fuori dai giochi (Murataj e Appiah squalificati, Michelon infortunato), con il debutto assoluto del terzo portiere Pellanda (classe 2001), con giocatori dilettanti nel senso più profondo ma anche più bello del termine, si è preso il lusso di affondare l’Arzignano dei nomi altisonanti in casa sua e con pieno merito. I giallocelesti chiudono la loro settimana horribilis nel modo peggiore, con un punto in saccoccia frutto degli sprechi di Belluno e due sonfitte consecutive in casa sconosciute in tempi recenti. Il Cartigliano e il suo stretega Alessandro Ferronato hanno fatto la classica partita perfetta, l’unica che poteva consentire loro di portare via punti al Dal Molin rabberciati come erano: difesa attenta, grinta e attenzione a centrocampo, cinismo assoluto davanti alla porta. L’Arzignano è stato invece tutto l’opposto: la difesa ha beccato ancora un gol da calcio d’angolo, il centrocampo ha pasticciato e perso palloni innocui, l’attacco non è riuscito a buttarla dentro. E dire che i ragazzi di Di Donato non erano partiti male, prendendo il controllo delle operazioni e stringendo il Cartigliano nella sua metà campo. Il cross di Munaretto incoccia in area sul braccio di Stocco ma si procede (8’), poi Vanzan dall’altra parte centra per l’incornata di Odogwu respinta da Pellanda che allontana con l’aiuto di Faresin (11’). La punizione di Valenti non mette paura al portiere debuttante (13’), poi su cross del toscano batte il baby Antoniazzi ma Pellanda c’è (15’). Piano piano il Cartigliano si scrolla di dosso la paura e avanza il baricentro: Mattioli ci prova con una palombella dalla trequarti che non sorprende Tosi (17’). Al 26’ un lungo rilancio mette in moto Di Gennaro che si scontra con Tosi in uscita, la punta ha il rimpallo favorevole ma poi tocca con il braccio. Al 31’ bella ripartenza dell’Arzi su angolo battuto dagli ospiti: Maldonado-Antoniazzi-Valenti e sinistro del senese a fil di palo. Però il Cartigliano riconquista subito un altro angolo sul quale Faresin in area piccola fa i comodi suoi e scaraventa in rete (32’). Brutto colpo per l’Arzignano che ha un sussulto solo a fine tempo: cross di Munaretto e inzuccata di Maldonado respinta d’istinto da Pellanda (45’). Nella ripresa Di Donato in rapida sequenza rivolta la squadra come un calzino: dentro Forte e Fracaro per dare consistenza, mentre Munaretto torna a fare il centrale. Ci provano subito Lombardi con un cross lungo (2’) e Valenti con un tiro di poco alto (6’), ma il Cartigliano non si chiude in difesa, anzi. Pasinato recupera una palla golosa a centrocampo e s’invola verso Tosi per poi incartarsi sul fondo sinistro (8’), Visinoni dal vertice dell’area gira di poco a lato sul secondo palo (11’). L’Arzignano non demorde e ci prova ancora due volte di testa (Odogwu al 18’ e Serroukh al 19’) ma Pellanda è sempre sul pezzo, poi il diagonale di Forte si perde a lato (23’). È l’ultimo sussulto della formaziona di casa che poco dopo capitola definitivamente: Stocco si destreggia bene al limite dell’area ed esplode un rasoterra che muore nell’angolino basso (27’). Per l’Arzignano è game over, il Cartigliano adesso fa quello che vuole, ci provano anche Parise (Tosi lo stoppa in due tempi al 30’) e Marchese che con una botta bassa prende il palo (32’). Nel convulso finale (Valenti con un diagonale deviato pareggia il conto dei legni al 46’) saltano i nervi a Munaretto (43’) e Maldonado (49’) autori di brutte entrate. Peggio di così non poteva andare, ogni tanto nel calcio accade che Davide riesca a battere Golia. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Stefano Gobetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
29
Ternana
26
U. Triestina
26
Vis Pesaro
25
Feralpi Salò
25
L.r. Vicenza Virtus
24
Fermana
24
Ravenna
23
Imolese
22
Monza
20
Sudtirol
19
Sambenedettese
18
Rimini
18
Gubbio
17
Teramo
16
Fano A.j.
15
Giana Erminio
15
Renate
12
Albinoleffe
11
Virtus Verona
10
Fano A.j. - Vis Pesaro
Albinoleffe - Sambenedettese
Feralpi Salò - Imolese
Fermana - U. Triestina
Giana Erminio - Renate
Gubbio - L.r. Vicenza Virtus
2-0
Ravenna - Virtus Verona
Rimini - Monza
Sudtirol - Ternana
Teramo - Pordenone

Golf