Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 gennaio 2018

Sport

Chiudi

29.12.2017

Non voglio arrivare a tremila panchine E intanto il sesto giallo...

Max Giugni allena la Promozione e l’U18 della Tramarossa
Max Giugni allena la Promozione e l’U18 della Tramarossa

Consulente aziendale, allenatore, scrittore, ma prima di tutto marito e padre. Queste le tante sfaccettature della vita di Massimiliano Giugni, per tutti semplicemente Max, una vita da tecnico, sempre impegnato a formare i giocatori del domani. 35 gli anni di carriera e quota 2000 panchine toccata a inizio dicembre nella sfida valida per il campionato di Promozione contro Marano, torneo che i biancorossi comandano a punteggio pieno. Come concilia le tante attività? Ho la fortuna di dormire poco e riesco a essere riposato anche con poche ore di sonno. Durante il giorno seguo la mia attività mentre ogni sera dalle 18 sono impegnato con le due squadre che alleno (la Promozione e l'Under 18 Eccellenza, ndr). Il tempo che resta va alla famiglia mentre la notte la trascorro scrivendo. Che ricordi ha degli inizi della sua carriera da allenatore? Uno dei grandi della pallacanestro vicentina come Bruno Badinotti mi prese da parte nel 1982, a 17 anni, e mi comunicò che avrei allenato da solo: nelle scorse settimane ragionavo con lui che ora sarebbe ritenuta una vera follia dare una squadra ad un giovane. Vinsi subito il campionato con i ragazzi nati nel 1970. E pensare che poi ho anche allenato i figli di alcuni di quei giocatori. Quali sono le differenze che nota con l'attuale momento storico della pallacanestro? Il settore giovanile della Pallacanestro Vicenza era tra i primi 6/7 in Italia sia a livello di talenti formati che di tornei conquistati: cominciare in quell'ambiente e sotto la guida di quei maestri è stata una enorme fortuna. E si trattava di ragazzi cresciuti e reclutati nel solo territorio della provincia. Oggi, invece, tutto è cambiato: nell'attuale girone dell'Under 18 le squadre avversarie hanno in media 4/5 stranieri a testa mentre noi rimaniamo fedeli al basket locale, con un ragazzo di Thiene come massimo forestiero L'emozione della partita numero 2000 si è sentita? «È stata una bella giornata, con il palazzetto decorato, lo striscione preparato da mia moglie e dalle mie figlie e con gli applausi dei genitori dei giocatori. Se poi consideriamo che siamo riusciti a vincere lo scontro diretto la gioia è stata ancora maggiore. Qual è la soddisfazione più grande nell'allenare i giovani? Prima di tutto stare assieme ai ragazzi mi rende più giovane dei miei coetanei: essere a contatto con il cambiamento di abitudini, linguaggi e pensieri è un aspetto importante. La cosa più incredibile e che dà maggiore soddisfazione credo sia comune alle varie categorie di insegnamento, a cominciare da quello scolastico, ossia la crescita visibile già in pochi mesi. È in cantiere una nuova indagine del suo alter ego letterario, il commissario Giunti? Sì, sono a metà del sesto giallo. Non sono riuscito a mantenere la cadenza biennale ma sicuramente nel 2018 esce il nuovo episodio. E vorrei fare il restyling del racconto “Le avventure di Mik & Asa”, uscito 20 anni fa e andato esaurito, che potrebbe essere adatto ai bambini che si avvicinano al minibasket. Si è dato un nuovo traguardo? Spero vivamente che ci sia una nuova generazione di allenatori che non mi faccia arrivare a quota 3000 panchine (ride, ndr). La passione che mi spinge è ancora totale e allenare è quasi una malattia. Finché gli impegni della vita e le forze me lo permetteranno, e ovviamente se ci sarà chi mi darà una squadra da allenare, proseguirò ancora. Però arrivare a 3000 forse no, perché a questi ritmi vorrebbe dire almeno altri 12 anni come coach. Per allora vorrei fare il nonno e, comunque, prima di allenare i nipoti mi ritiro!

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Padova
38
Renate
33
Sambenedettese
32
Reggiana
29
Feralpi Salò
29
Albinoleffe
26
U. Triestina
25
Sudtirol
25
Pordenone
25
Bassano Virtus
25
Mestre
24
Fermana
23
Gubbio
22
Teramo
21
Vicenza
21
Ravenna
21
Santarcangelo
19
Fano A.j.
14
Fano A.j. - Padova
1-1
Mestre - Albinoleffe
2-1
Ravenna - Bassano Virtus
1-2
Reggiana - U. Triestina
2-0
Renate - Feralpi Salò
2-1
Sambenedettese - Fermana
3-0
Santarcangelo - Gubbio
1-0
Sudtirol - Pordenone
Vicenza - [ha Riposato]
Teramo - [ha Riposato]

Golf