25 marzo 2019

Sport

Chiudi

08.12.2018

Lonedo 22, il regalo è il primo Eurocross

Costanza e determinazione. Qualità che non mancano a Rebecca Lonedo, che domani in Olanda affronterà il suo primo campionato europeo di cross. L’atleta di Sovizzo, che ha compiuto 22 anni proprio mercoledì, è partita ieri da Venezia alla volta di Amsterdam per poi raggiungere Tilburg, di nuovo sede della rassegna continentale sui prati dopo 13 anni. Dopo Federica Del Buono, settima tra le under 23 e bronzo a squadre a Hyères (Francia) nel 2015, un’altra vicentina torna a rappresentare l’Italia agli Eurocross. Lonedo gareggerà tra le under 23, che saranno impegnate sui 6,3km del percorso allestito all’interno del Safaripark Beekse Bergen. La gara scatterà alle 11.35 e vedrà la presenza di 79 atlete in rappresentanza di 20 nazioni. L'Italia ha la possibilità di ben figurare a livello di squadra tra le under 23 composta da Lonedo, Francesca Tommasi (Esercito), Mara Ghidini e Federica Zanne (Atletica Brescia). «Sono un po’ emozionata e agitata - confida la 22enne alla vigilia dell’evento- perché è il mio primo campionato europeo, ma mi sento abbastanza pronta per affrontare questo tipo di competizione. La forma c’è e sono stata soddisfatta di come sono andati gli ultimi cross, soprattutto quello di Sgonico dove mi sono assicurata la maglia azzurra vincendo la mia categoria. Puntavo molto a questa gara e sono riuscita a centrare l’obiettivo». La studentessa di scienze motorie ha svolto gli allenamenti di rifinitura a Tirrenia, dove ha svolto un periodo di preparazione anche nel mese di ottobre. «Il raduno è stato molto utile - aggiunge l’atleta dell’AV Despar - per allenarsi in gruppo e per il clima favorevole». Il percorso, impegnativo, è caratterizzato da numerose curve e da ostacoli creati ad hoc e, date le previsioni, si presenterà anche molto fangoso; ma questo non preoccupa l’allieva di Gianni Faccin che privilegia questi tipi di terreni, più adatti al suo stile di corsa. «La gara inizierà subito a ritmo sostenuto - commenta la 22enne - dato il livello delle atlete presenti. Io cercherò di impostare una gara in progressione in modo da avere energie per il finale e non patire gli ultimi chilometri. Mi sono preparata al meglio per questo appuntamento e non mancheranno i soliti calzini, l’elastico per capelli e un anello, compagni di avventure in tutte le gare finora disputate». La stagione 2018 ha regalato molte soddisfazioni all’atleta, dopo essere stata a lungo ferma per una microfrattura da stress. Lonedo è cresciuta molto conquistando in questa stagione il titolo italiano U23 nei 10.000, quello universitario nei 5.000, ha vinto l’argento ai Giochi del Mediterraneo U23 nei 10000 e ha riportato il successo al quadrangolare di corsa su strada di Rennes. «Ripensando alla stagione mi darei come voto otto - commenta la mezzofondista- e posso dirmi abbastanza soddisfatta. Ma c’è sempre da lavorare. Se agli Europei arrivasse un piazzamento importante, il voto potrebbe salire, non sarebbe comunque mai un 10 pieno. Sono sempre stata molto insicura, ma i risultati ottenuti quest’anno mi hanno fatto prendere maggior consapevolezza dei miei mezzi. Caratterialmente sono una persona che non si arrende facilmente. Il salto di qualità è dovuto al fatto che mi sono concentrata sui miei punti deboli come la forza e la tecnica di corsa e ho curato i dettagli come alimentazione e riposo, dandomi dei ritmi e questo mi ha permesso di migliorare». Lonedo ha iniziato a mettersi in luce nelle campestri dei giochi sportivi studenteschi alle scuole medie primeggiando nonostante facesse danza. Visti i risultati il padre ha deciso di portarla a fare atletica all’Union Creazzo. Dall’ultimo anno da allieva ha svolto lavori specifici di resistenza a Vicenza con Diana Tomasi raccogliendo le prime soddisfazioni; l’infortunio poi ha rovinato i piani facendole perdere le due annate da junior prima di ripartire e riscattarsi dalla categoria promesse. La passione ed i risultati ottenuti da Rebecca hanno spinto anche i fratelli Miriam, Alberto e Tommaso ad andare ogni tanto a correre mentre la mamma già lo faceva da piccola e ancora ora ogni domenica va alle marce, fa gare di trail e qualche maratona mentre il padre, in passato, correva in bici. Il fratello Alberto e il padre non si perdono una gara di Rebecca, mentre il cane Dalai la attende a casa per festeggiarla al suo ritorno. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiara Renso
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Pordenone
63
U. Triestina
57
Feralpi Salò
54
Monza
51
Sudtirol
50
Imolese
50
Ravenna
48
Fermana
44
L.r. Vicenza Virtus
41
Sambenedettese
40
Teramo
37
Vis Pesaro
36
Ternana
36
Albinoleffe
35
Gubbio
35
Virtus Verona
35
Renate
33
Giana Erminio
33
Rimini
32
Fano A.j.
29
Fano A.j. - Feralpi Salò
0-1
Fermana - Vis Pesaro
0-0
Giana Erminio - Teramo
1-2
Gubbio - Renate
0-0
Imolese - Monza
1-3
Ravenna - Albinoleffe
0-1
Sudtirol - L.r. Vicenza Virtus
2-2
Ternana - Pordenone
1-1
U. Triestina - Sambenedettese
4-0
Virtus Verona - Rimini
3-0