19 febbraio 2019

Sport

Chiudi

04.02.2019

Bellò da sala, 800 passi d’oro ad Ancona Tricolore junior alla staffetta AV Brazzale

Lucrezia Sartori (G.A. Bassano) argento nel lungo e nel triplo. COLOMBOElena Bellò, campionessa italiana promesse negli 800. COLOMBO/FIDALL’arrivo di Margherita Zuecco (AV Brazzale), argento nella finale dei 60 metri junior. FOTO COLOMBO / FIDALPiero Bordignon e Maya Caon
Lucrezia Sartori (G.A. Bassano) argento nel lungo e nel triplo. COLOMBOElena Bellò, campionessa italiana promesse negli 800. COLOMBO/FIDALL’arrivo di Margherita Zuecco (AV Brazzale), argento nella finale dei 60 metri junior. FOTO COLOMBO / FIDALPiero Bordignon e Maya Caon

Elena Bellò colleziona un altro oro ad Ancona. Dopo il doppio titolo tricolore in sala della passata stagione, assoluto e under 23, la specialista vicentina degli 800 metri, firma l’ennesimo titolo tricolore tra le promesse facendo gara di testa fin dalle prime battute e involandosi al traguardo in 2’07”11. Ancona regala forti emozioni anche all’AV Brazzale, che festeggia il titolo italiano della staffetta 4x200 junior, composta da Margherita Zuecco, Alice Muraro, Giulia Caregnato e Leila Cattani, la più veloce in 1’42”66 e il successo tricolore nella classifica femminile di società, come nella passata edizione. Seconda piazza per la squadra maschile U20. Nel 2018, Zuecco e Muraro, insieme a Francesca Todescato e Moillet Kouakou si era imposte nella 4x 200 con il crono di 1'41”40, primato regionale. Proprio ieri a Padova le colleghe della categorie allieve Desiree Muraro, Arianna Battistella, Giulia Barattini e Annachiara Pizzato hanno riscritto il record regionale U18 della 4x 1 giro siglando il crono di 1’43”52, che abbassa di 46 centesimi il precedente limite della Vis Abano. Rientra da Ancona con due argenti Lucrezia Sartori (G.A Bassano) che stava per festeggiare il titolo italiano nel lungo ma, al penultimo turno di salti, la padovana Veronica Zanon, è riuscita a sopravanzare l’atleta allenata da Davide Spigarolo, in testa sino a quel momento con il nuovo primato personale di 6 m02. Sartori è tornata in pedana anche nel triplo dove è arrivata alle spalle di un’altra veneta, Camilla Vigato, con il nuovo personale di 12m19. Dopo i due argenti dell’edizione 2018, Margherita Zuecco (AV Brazzale) sperava di conquistare il titolo dopo aver conquistato quello outdoor nei 100. In finale l’allieva di Luciano Caravani ha dovuto cedere alla varesina Vittoria Fontana, che, con il tempo di 7”50, si lascia alle spalle Zuecco, sette centesimi più lenta della lombarda. La finale dei 60 registra l’ottima prova dei due portacolori di AV Brazzale, Stefano Quarshie e Abdou Guene, entrambi capaci di riscrivere il personale nelle semifinali correndo, rispettivamente, in 6”87 e 6”88, per poi contendersi il bronzo per questioni di millesimi con lo stesso tempo di 6”90. Guene ci teneva a ben figurare anche nei 200 dopo aver corso le qualificazioni in 22”30, ma un problema muscolare lo ha costretto a fermarsi nel corso della finale 2, dovendo rinunciare alla staffetta che avrebbe potuto regalare il tricolore di società anche al maschile. Emozioni a non finire nei 400 metri, dove si è registrato il ritorno ad alti livelli del campione italiano cadetti dei 300 Pietro Marangon (AV). L’atleta allenato da Diego Zocca sorprende nelle serie dei 400 U20 guadagnandosi l'accesso alla finale con il nuovo primato di 49”33 per poi superarsi ancora in finale vincendo la volata per il terzo posto e abbassando ulteriormente il limite personale con 49”18. Finale thrilling anche nel getto del peso U20 dove Maya Caon (AV) agguanta il bronzo all’ultimo turno di lanci festeggiando anche il nuovo primato personale di 12m26 per la gioia dell’allenatore Piero Bordignon. Arriva il bronzo nell'alto U20 per il tricolore in carica all’aperto Manuel Lando (AV) che si ferma a 2m01. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiara Renso
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1