Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 settembre 2018

Sport

Chiudi

12.07.2018

Sfida a tre per i Giochi Tra i saggi c’è Gios e l’Altopiano ci crede

Il presidente della Federghiaccio, l’asiaghese Andrea Gios con l’azzurra Arianna Fontana in Corea
Il presidente della Federghiaccio, l’asiaghese Andrea Gios con l’azzurra Arianna Fontana in Corea

Cesare Pivotto ASIAGO L’Italia ha avanzato la sua candidatura ai Giochi Olimpici Invernali del 2026 senza aver però ancora di fatto individuato la sede. Tre le candidature fin qui espresse (Cortina, Milano e Torino) con quella veneta “monca” a causa delll’esclusione dell’Altopiano. Il compito di valutare quale delle tre ipotesi sia la più percorribile è stato affidato ad una commissione tecnica nominata dalla Giunta nazionale del Coni che sarà coordinata dal segretario generale Carlo Mornati e così composta: Franco Chimenti (vice presidente vicario Coni), Alessandra Sensini (vice presidente Coni), Flavio Roda (presidente Federazione Italiana Sport Invernali), Andrea Gios (presidente Federazione Italiana Sport del Ghiaccio), Valentina Marchei (rappresentante commissione atleti Coni), Jacopo Luchini (atleta paralimpico), Franco Carraro e Mario Pescante (membri Cio), Ivo Ferriani (membro Cio e presidente Federazione internazionale bob e skeleton), Manuela Di Centa (membro onorario Cio e campionessa olimpica di sci di fondo), Ottavio Cinquanta (membro onorario Cio ed ex presidente dell’International Skating Union). Della commissione fa parte anche l’asiaghese Andrea Gios; lo abbiamo contattato per capire lo stato dei lavori ma lo stesso, dopo aver confermato che la prima riunione si terrà a Roma nella sede del Coni lunedì 16 luglio, non si è espresso visto l’obbligo di non rilasciare interviste. Alla Commissione, a quanto è dato sapere, è affidato il compito di individuare una candidatura che sia fortemente competitiva, forte e vincente, secondo i dettami del CIO, sostenibile sotto il profilo economico e che non lasci cattedrali nel deserto. Bensì eredità compatibili col territorio e con le prospettive di sviluppo delle singole discipline sportive. La Commissione lavorerà sui tre dossier già presentati ma con opportune revisioni ed implementazioni per realizzare nuove proposte aggiornate, riviste e corrette su cui aprire il tavolo dei lavori. Questo aprirebbe, o meglio, ri-aprirebbe le chance dell’Altopiano di mettersi in corsa per quella disciplina di cui il suo territorio è regina, ossia lo sci nordico. La sensazione è che esistano termini di fattibilità in tal senso e che la candidatura veneta possa ripresentarsi con l’inclusione dell’Altopiano a patto di capire se questo rientri nelle volontà della Regione Veneto. Agli amministratori locali il ruolo importante, anzi determinante, nel riuscire a convincere ed a coinvolgere i vertici regionali ed a far cambiar loro idea. Per quanto riguarda un’altra disciplina particolarmente seguita e brillante sull’Altopiano, e cioè l’hockey su ghiaccio, seguendo i dettami e le indicazioni del Comitato Olimpico non sembra proponibile la realizzazione di un mega stadio da 10-12 mila posti ad Asiago (che diventerebbe poi eccessivo per l’utenza abituale); la sensazione è che, nei piani di sviluppo del movimento, la proposta che verrà avanzata per la candidatura veneta preveda la realizzazione di uno stadio principale (per il torneo maschile) da 10/12 mila posti a Verona ed un secondo (per il femminile) da 7/8 mila posti a Treviso. La commissione si è data una prima scadenza per arrivare ad una decisione per il 1° di agosto, riservandosi un ulteriore margine di lavoro per arrivare alla proposta per il successivo 10 settembre. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Cesare Pivotto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie C - Girone B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Renate
3
Fermana
3
U. Triestina
3
Pordenone
3
Monza
3
Sudtirol
3
Ravenna
1
Gubbio
1
Albinoleffe
1
Giana E.
1
Imolese
1
L.r. Vicenza Virtus
1
Rimini
0
Ternana
0
Fano A.j.
0
Feralpi Salò
0
Teramo
0
Virtusvecomp
0
Vis Pesaro
0
Sambenedettese
0
Fermana - Virtusvecomp
2-0
Gubbio - Ravenna
1-1
Imolese - Albinoleffe
0-0
L.r. Vicenza Virtus - Giana E.
0-0
Monza - Feralpi Salò
1-0
Pordenone - Fano A.j.
2-1
Sambenedettese - Renate
0-2
Sudtirol - Teramo
1-0
Ternana - Rimini
U. Triestina - Vis Pesaro
2-0

Golf