Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 novembre 2017

Spettacoli

Chiudi

07.09.2017

Si scaldano i motori a Valdagno
per CrashTest Festival:
anteprima giovedì, il via da venerdì

Alessandra Agosti

VALDAGNO

Conto alla rovescia per la sesta edizione di CrashTest Festival, la vetrina di teatro contemporaneo in programma da oggi a domenica al Palalido di Valdagno. “Alieni” è il tema proposto per quest’ anno dal collettivo Livello4, organizzatore della kermesse e quattro le formazioni scelte, tra circa 150 candidature, per confrontarsi in materia sul palcoscenico: FrequenzeAlfa Teatro di Pisa e Dehors/Audela di Roma venerdì, Jessica Leonello di Brescia e Welcome Project di Berlino sabato, con un anticipo di festival già stasera alle 20.30 con lo spettacolo “Area 51” di Livello4 – Nuove Generazioni e una chiusura domenica, fra laboratori gratuiti per l’intera giornata in Sala Marzottini e serata di nuovo al Palalido, divisa tra lo spettacolo fuori concorso “A.l.i.e.n.s.” di Circondiamoci, alle 20.30, e proclamazione dei vincitori alle 21.30.

Ma torniamo agli sfidanti di questa edizione 2017, che domani alle 20.30 vedrà scendere in campo come primo finalista FrequenzeAlfa Teatro di Pisa in “Interrail”, per la regia di Stefano Filippi. Accompagnata dalle canzoni originali di Valentina Grigò, impegnata anche sul palco con Alice Casarosa, Greta Cassanelli, Carolina Cavallo, Ilaria Orselli e Irene Rametta, l’esibizione del gruppo toscano si avvarrà dei costumi della storica Fondazione Cerratelli per raccontare un viaggio in treno attraverso l’Europa: un continuo cambio di paesaggi naturali e umani, tali da modificare senza sosta il concetto di “alieno”.

Sempre venerdì, ma alle 22.20, toccherà a “Perfetto indefinito” dei Dehor/Audela di Roma: un nome dietro il quale il pubblico ritroverà Elisa Turco Liveri, che nel 2012 vinse la prima edizione di CrashTest con Chiara Condrò e il loro “Quod supererat”. In questa edizione, l’artista torna con Salvatore Insana e un lavoro ispirato all’artista omosessuale di origini ebraiche Claude Cahun (1894-1954).

Ancora un gradito ritorno quello della bresciana Jessica Leonello, già applaudita nel 2015 per “Cingomma”. Sabato alle 20.30 l’artista aprirà la serata con “Nuovo Eden”, lavoro del quale è autrice e interprete, diretta da Manuel Renga. Nel sono protagonisti due personaggi “alieni”: Cesare, reso attraverso l’uso di una maschera in lattice, e Dolores, pupazzo di gommapiuma; lui è un uomo tornato alla vita dopo 15 anni di coma, mentre lei è una transessuale, stella dimenticata dell’epoca d’oro del travestitismo.

Chiusura di gara alle 22 con Welcome Project di Berlino in “Intime Fremde”, coproduzione Tatwerk Performative Forschung e Teatro del Lemming di Rovigo, realtà che a Vicenza ha una propria sede operativa: al centro della riflessione, il concetto di confine, identità, nazione e patria, in un’Europa dai confini tanto in apparenza inesistenti quanto in verità forti e difficili da superare.

Dopo la fase di gara, domenica – come tradizione – appuntamento con i laboratori gratuiti in sala Marzottini, tenuti dalle quattro compagini protagoniste del festival e aperti a tutti, previa prenotazione entro la sera di sabato a info@crashtestfestival.it o telefonando al numero 345 7004703. Gli orari: FrequenzeAlfa alle 9.30, Dehors/Audela alle 11.30, Jessica Leonello alle 14, Welcome Project alle 16.

Per le info e gli aggiornamenti, è a disposizione il sito www.crashtestfestival.it. Il Palalido si trova in via Alessandro Volta 4, la Sala Marzottini in via Gaetano Marzotto 1 a Valdagno.

AGOSTIA
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Verdi Lonigo