Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 settembre 2017

Spettacoli

Chiudi

05.07.2017

Lonigo volta pagina
Più teatro popolare
e meno impegnato

Lino Zonin

LONIGO

Nel presentare il cartellone in abbonamento per la prossima stagione, i responsabili del teatro Comunale di Lonigo dimostrano di aver fatto tesoro dell’esperienza passata, la prima confezionata dal consiglio di amministrazione presieduto da Manuela Bedeschi, con Alessandro Anderloni nel ruolo di direttore artistico.

Nel corso della conferenza stampa tenutasi ieri nel foyer del teatro, i due dirigenti del Giuseppe Verdi, affiancati dal sindaco Luca Restello, hanno elencato le criticità evidenziate degli spettatori al termine della stagione conclusasi qualche mese fa e dimostrato, dati alla mano, di aver decisamente voltato pagina. Quindi, meno spettacoli impegnati e un occhio di riguardo particolare per il teatro più leggero; un solo monologo, contro i tre della scorsa stagione e numerose recite in anteprima o in esclusiva per il Veneto.

«Ogni start up deve pagare pegno – ha esordito il sindaco Restello – L’anno scorso eravamo tutti nuovi e siamo stati costretti a partire in ritardo. Stavolta ci presentiamo per tempo al nastro di partenza con un programma che si riallaccia maggiormente alla programmazione classica del nostro teatro: sono sicuro che il pubblico apprezzerà lo sforzo di chi ha allestito il cartellone».

«Abbiamo capito che la platea chiedeva più divertimento – ha aggiunto Bedeschi - e il programma preparato da Anderloni soddisfa questa richiesta, senza peraltro trascurare la qualità che resta il fulcro portante della rassegna».

Il direttore artistico ha elencato gli spettacoli in programma, precisando che lo stesso si snoda lungo alcune direttrici principali rappresentate dal giusto tributo al teatro classico, da un duplice riferimento a testi ricavati da copioni cinematografici e da una generale tendenza al sorriso».

Si inizierà il 6 novembre con un capolavoro del teatro seicentesco, “Il borgese gentiluomo” di Molière per la regia di Armando Pugliese con Emilio Solfrizzi – per la prima volta al Comunale – nel ruolo di protagonista.

I due rifacimenti cinematografici sono in programma il 30 novembre e l’11 dicembre: il primo è “Il sorpasso”, tratto dal capolavoro di Dino Risi con Giuseppe Zeno e Luca Di Giovanni nelle parti che furono di Vittorio Gassman e Jean Louis Trintignant. L’altro porta in scena il dramma di “Un borghese piccolo piccolo”, adattamento del romanzo di Vincenzo Cerami diretto da Fabrizio Coniglio e con Massimo Dapporto nel ruolo sostenuto al cinema da Alberto Sordi.

Deciso cambio di registro con lo spettacolo successivo che, il 16 gennaio, riporterà al Comunale lo sfarzo dell’operetta con “Il paese dei campanelli” nell’allestimento della compagnia Teatro Musica Novecento.

Un giovane attore e commediografo emergente, Fausto Paravidino, è autore, regista e interprete principale de “Il senso della vita di Emma”, atteso a Lonigo il 31 gennaio, mentre un dei volti più noti del cinema e della tv, quella di Francesco Pannofino, sarà protagonista, assieme a Emanuela Rossi, della commedia di Gianni Clementi “I suoceri albanesi”.

Un altro debutto sulla scena leonicena sarà quello di Elena Sofia Ricci, attesa il 15 marzo con il dramma di Arhur Miller “Vetri Rotti”. Per finire, il 6 aprile, sarà la volta di Giuliana Musso, accompagnata alla chitarra da Massimo Somaglino nel recital “Sexmachine”.

Gli abbonamenti restano invariati rispetto all’anno scorso: 180 euro platea e prima galleria, 130 seconda galleria e palchi, 80 euro terza galleria. Prevendita dal 12 settembre con modalità di conferma e rinnovo che verranno comunicate in seguito.

ZONINL
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Verdi Lonigo