Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
13 dicembre 2018

Spettacoli

Chiudi

07.01.2018

Valtinoni e Lanaro
nel nuovo CD
dei Polifonici

VICENZA I Polifonici Vicentini, l’ensemble corale diretto da Pierluigi Comparin, hanno pubblicato di recente un CD che ospita tre belle partiture di compositori vicentini contemporanei entrate nel vasto repertorio del coro di Isola. Ci sono la Cantata della Creazione e il Te Deum di Pierangelo Valtinoni e la cantata mariana L’Annunciazione di Mario Lanaro. Nella Cantata della Creazione, per soprano, coro misto, oboe, corno inglese, violoncello, arpa e organo, Valtinoni musica tre salmi, il 104 e il 145 che cantano lode al Dio Creatore e il 131 che invita al raccoglimento. Il compositore dispiega il coro su una trasparente trama strumentale per la prima e la terza parte, affidando al soprano (un’ispirata Oh Ji Min) la seconda dedicata al salmo 131. Agili negli episodi solistici gli strumentisti dell’Ensemble Musagète (Remo Peronato, oboe e corno inglese; Simone Tieppo, violoncello; Alessia Luise, arpa) e l’organista Alberto Barbetta che affianca Oh Ji Min e i Polifonici Vicentini anche nel Te Deum. Qui il testo latino viene spezzato in tre parti, le estreme corali, la centrale dedicata alla solista. L’organo è impiegato come strumento concertante, non solo d’accompagnamento. Entrambe le opere, pur scritte a oltre dieci anni di distanza (il Te Deum è del 2003, rivisto nel 2013, la Cantata del 2015), possiedono la gioiosa lievità stilistica che connota la musica di Valtinoni. Più composita la partitura di Lanaro, del 2016, che combina testi differenti (tra i quali la poesia L’Annunciazione di Pasolini) e diversi linguaggi: echi di gregoriano e del repertorio laudistico si stagliano in una rarefatta tessitura strumentale che allude al tempo sospeso e alla contemplazione mistica. La parola viene articolata in vari modi: il canto solistico si alterna al canto corale e alla recitazione (cui provvedono gli attori Anna Basso, Lisa Turato ed Ettore Pernigotti). L’organico strumentale è poco diverso da quello impiegato da Valtinoni: l’oboe viene abbandonato a favore del flauto. Anche qui in evidenza l’Ensemble Musagète con Fabio Pupillo al flauto e Giulia Rettore all’arpa. Comparin dirige tutti con grande energia e i suoi Polifonici si distinguono per emissione luminosa e coesione d’insieme. Presa del suono talvolta poco nitida, ma la qualità delle partiture e dell’interpretazione raccomandano l’ascolto del CD. Per averlo si possono contattare i Polifonici Vicentini a info@polifonici-vicentini.org. • F.L. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LOVATOF
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Verdi Lonigo