23 marzo 2019

Spettacoli

Chiudi

06.12.2012

La ricerca dell'insolito. Così è Parodi all'organo

Giancarlo Parodi sarà questa sera nella chiesa di San Filippo Neri
Giancarlo Parodi sarà questa sera nella chiesa di San Filippo Neri

VICENZA
Terzo appuntamento con i concerti al restaurato organo De Lorenzi-Zordan della chiesa di S. Filippo Neri, oggi alle 19. Protagonista il noto organista Giancarlo Parodi, interprete per diversi decenni di numerosi eventi inaugurali agli organi della provincia di Vicenza, assai conosciuto e seguito sempre da un vasto pubblico di affezionati, finalmente protagonista anche in questa chiesa.
L'originalità dei suoi programmi, il vastissimo repertorio, la padronanza allo strumento e la spiccata capacità interpretativa, sono solo alcuni degli aspetti che fanno di Giancarlo Parodi un interprete d'eccezione. Anche per il De Lorenzi-Zordan di S. Filippo egli propone una rara e quanto mai interessante proposta di ascolto su originali composizioni della letteratura organistica dell'800", un aspetto che certamente distingue Giancarlo Parodi, sempre alla ricerca di compositori e brani veramente insoliti, una ricerca - la sua - che ha portato in luce pagine molto interessanti.
Se il periodo Barocco aveva consolidato le numerose forme tipicamente organistiche, culminate nella straordinaria opera di J.S. Bach, con il XIX secolo l'organo - in particolare modo in Italia - subisce notevoli trasformazioni, sia per l'aggiunta di numerosi registri "d'instrumentazione", sonorità ad imitazione dei tanti strumenti dell'orchestra (flauti, cornetti, ancie di diversa foggia quali tromba, oboe, clarone, corno inglese, ma anche viole, violette solo per citare i più noti) che per le composizioni a lui destinate, dallo stile galante della seconda metà del '700 a quelle di carattere operistico, uno sviluppo enorme di nuovi strumenti e musica che con l'antica storia dell'organo aveva veramente poco a che fare. Buona parte del programma è dedicata proprio a questo repertorio, assai curioso e "divertente", tappa quasi obbligata per mettere in risalto le sonorità di questo storico strumento. Come solo esemopio, di Charles John Grey - compositore americano più vicino alla riforma ceciliana tra '8-900 - verrà eseguita l'Ouverture op.16; segue la Sonata VI di Giovanni Battista Martini, interprete di uno stile semplice e galante, tipico della seconda metà del '700. L'ingresso è libero; info tel. 0444.544339.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Verdi Lonigo