martedì, 25 settembre 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

04.08.2018

Calcio al passato

Liberté, egalité, fraternité. E urtiché. Nel senso di gas urticante. A questo son ricorsi i gendarmi per disperdere 20 manifestanti, (non 1000, non 100, ma 20); contadini che, per protesta, avevano messo in pista balle di fieno per interrompere il Tour de France. Si son viste scene indegne: poliziotti che spruzzavano lacrimogeni in faccia a cittadini inermi, stesi a terra, con il bel risultato di colpire pure gli incolpevoli ciclisti, costretti a chiedere le cure mediche e il collirio. Silenzio assordante da parte di Macron e compagni. Saremo anche razzisti, noi italiani, ma, cher Emmanuel, non ci ricordiamo di essere mai arrivati a tanto quando i trattori dei forconi e delle quote latte, sulle nostre strade, facevano ben di peggio. Francia campione del mondo di calcio? Anche nei calci, non se la cava male. Un calcio al passato sembra invece averlo dato Renzo Rosso, nuovo patron del Vicenza: mira in alto l’imprenditor scapigliato. Turbo Diesel ai sogni: serie A in tempi rapidi, gestione accorta, coinvolgimento delle eccellenze industriali del territorio, Scaroni sodale come Sancho Panza con Don Chisciotte, Menti nuovo e moltiplicazione di abbonati. Se uno non crede nei miracoli, non crede nemmeno nella scienza. Se uno non crede nell’uomo, non crede nemmeno nella storia. E noi di Rosso vogliamo fidarci. Anche perché il fatturato delle sue aziende, (1 miliardo e mezzo nel ‘17), lascia ben sperare. Oh, fanno i presidenti i Della Valle e non dovrebbe farcela Renzo? Abbiamo visto la finale tennis Atp Berrettini-Bautista Agut, a Gstaad. Ha vinto il nostro Matteo. Riportando il tricolore sull’alto podio in uno sport dove, dopo Panatta e Pennetta, buio pesto. Se uno non crede nei giovani, non crede nella vittoria. Capito, Mancini? •

di GIANCARLO MARINELLI
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1