sabato, 22 settembre 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

09.02.2018

È ora di tornare

Dalla radio d’un taxi, mentre scendono la pioggia e la notte: «Nel lento scemare delle forze, sto facendo il mio pellegrinaggio verso casa». Ad un tratto, tutto, intorno, acquista una forza struggente: lo studente che s’attarda, l’impiegato che tossisce, il traffico che si infittisce, il moto equilibrista sul bagnato, il perditempo seduto a un caffè, i clacson che ululano, le luci calde dentro i palazzoni. Partiamo, lavoriamo, amiamo, mettiamo al mondo i figli con una inconsapevole, idea fissa che ci muove: tornare a casa. E ci voleva il Papa che non è voluto tornare a casa da Papa, per dircelo. La perfezione di ogni uomo, è come l’immagine del firmamento. La visione che ci è concessa delle stelle, perfettamente disseminate nell’oscurità: sembrano felici del loro incastro celeste. Poi, all’improvviso, un astro si stacca e cade giù. Ci viene quell’angoscia improvvisa mascherata da un desiderio terreno. Povera luce, dove andrà a finire? Dove si è perduta? E se invece, fosse il contrario? Se le stelle lassù si fossero smarrite e il loro precipitare fosse un ritorno verso casa? La casa di Chi, la casa del Niente o dello Spirito, la casa dei corpi dissolti e assolti dall’anima, non si sa. La lezione semplice e grandiosa di Joseph Ratzinger è questa: c’è un momento preciso in cui l’uomo guarda alla sua vita come il bimbo al sole stanco dietro al muro d’un cortile. È ora di tornare. Staccare la spina prima che il gioco diventi solo dolore; oppure pensare al dolore come a una tappa obbligata del nostro peregrinare. Immaginare, oltre quel muro, le braccia calde di una Madre che ti ha lasciato o di un Padre a cui non hai mai creduto. Chissà. Anche le stelle quando cadono, quando tornano, esprimono il loro ultimo desiderio. •

di GIANCARLO MARINELLI
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1