sabato, 17 novembre 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

21.05.2013

Archimede a 13 anni vola all'università

Cesare Cacitti, 13 anni, mentre costruisce la sua ultima invenzione: una stampante 3D. FOTOSERVIZIO BILLO
Cesare Cacitti, 13 anni, mentre costruisce la sua ultima invenzione: una stampante 3D. FOTOSERVIZIO BILLO

Tredici anni e la passione per l'elettronica: un giovane duevillese costruisce una stampante 3D da portare all'esame di terza media e viene premiato al “Festival Città Impresa”. Questo adolescente Archimede si chiama Cesare Cacitti, studente modello alla media “Roncalli”, vive in viale della Repubblica ed è figlio della responsabile dell'ufficio cultura del Comune di Schio e di un piccolo imprenditore. Cesare ha iniziato «a stagnare cavi e circuiti all'età di 6 anni», creando il suo primo progetto da lui definito «serio», in terza elementare: «Era una chiave a combinazione, cioè una scatola con una serie di pulsanti che, se premuti nel giusto ordine, accendevano una luce». Da lì il piccolo genio ha costruito, con rimasugli di computer e lettori cd, una stampante 2D: collegata ad un pc permette di disegnare su un foglio di carta ciò che si crea sullo schermo. Ora Cesare ha aggiunto una dimensione alle sue creazioni, «assemblando un macchinario che serve a stampare pezzi tridimensionali per i prototipi». Il premio ricevuto e la sua particolare precocità in ambito ingegneristico, hanno fatto sì che venisse contattato dallo Iuav per partecipare lo scorso fine settimana alle ultime due lezioni del master di architettura digitale dell'Università veneziana. «Già da quando aveva due anni, a mio figlio piaceva costruire oggetti», ricorda la madre Lidia Zocche. «In particolare faceva modellini di mulini a vento con legna da ardere e chiodi. Poi a sei anni gli abbiamo regalato il primo kit-gioco per “l'elettronica”. Leggeva anche molti giornali specializzati in ambito informatico e tomi sull'argomento presi in biblioteca. Spesso è addirittura stato chiamato, ed è ancora così, da parenti e amici che gli chiedono di sistemare i loro computer». Cesare infatti programma le sue macchine tramite “Arduino” (una piattaforma hardware programmabile), oltre ad avere da circa un mese e mezzo un suo blog dove recensisce prodotti di settore e spiega dove comprare i componenti su internet, per spendere meno. Non per niente la sua prima stampante gli è costata 10 euro, mentre il modello 3D circa 300 (quando la media dei kit per il montaggio è di 900 euro). Nonostante tutto ciò, il giovane Cacitti resta un ragazzo che ha voglia di divertirsi. All'ultima fiera dell'elettronica visitata, ha portato un telecomando universale per tv, da lui realizzato il giorno prima. «Un mio amico ed io passavamo di stand in stand e spegnevamo le televisioni e gli schermi, per poi riaccenderli dopo qualche secondo. Immaginatevi le facce di chi era lì e non capiva cosa stesse accadendo - racconta Cesare - Sono stato contento della premiazione e anche dell'invito al master, due lezioni molto interessanti e a cui ho partecipato attivamente». L'anno prossimo il piccolo Archimede, che da grande vorrebbe «fare l'ingegnere», andrà a studiare scienze applicate al liceo Quadri di Vicenza. E alla domanda quali siano i suoi sogni nel cassetto, risponde senza esitazione: «Sono troppe le cose che vorrei costruire perché entrino tutte in un cassetto, anche se - conclude – mi piacerebbe inventare qualcosa di mio, che ancora non sia stato pensato da nessuno». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Marco Billo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Giunta divisa a Vicenza sul nuovo autovelox in viale del Sole: cosa ne pensate?
ok

Avvenimenti 2018

Sport

VIAGGI