15 febbraio 2019

Cultura

Chiudi

07.12.2013

Una saga familiare firmata da Luca Valente

Il romanzo di Valente
Il romanzo di Valente

Più di trent'anni di storia del Novecento, dal 1918 al 1954. Due guerre e una vicenda scura di spionaggio militare. Uno spazio geografico amplissimo che dalle valli del Vicentino attraversa l'Alto-Adige e le sponde del lago di Garda, per arrivare alla Val d'Aosta, a sud verso Roma, a nord verso Vienna. La storia di una famiglia, osservata e pedinata dalla Storia, complice e carnefice donna dagli occhi grandi e capricciosi.
Torna in libreria con un nuovo romanzo lo scrittore scledense Luca Valente, già autore di “Indagine 40814”, un thriller che ha ottenuto numeri di vendita importanti, raggiungendo le quattromila copie. Si intitola “Un posto migliore” ed è il racconto, struggente e appassionante, delle vicende della famiglia Barbero tra guerra, incroci di vite e storia del Novecento. Valente presenterà il nuovo romanzo, Panda Editore, oggi alle 16.30 a Schio a palazzo Toaldi Capra nella rassegna Rovistamente.
«Questo è il romanzo che ha segnato il passaggio dalla saggistica alla narrativa - spiega Valente - Per una serie di fatalità esce soltanto oggi, ma è il primo che ho scritto qualche anno fa, prima ancora di “Indagine 40814” e dei miei racconti».Nel 2012 “Un posto migliore” ha partecipato al premio “La Giara” della Rai, arrivando alle semifinali nazionali. «È ispirato a una storia vera che avevo incontrato durante le mie ricerche storiche una decina di anni fa - continua - È una storia struggente. L'ho romanzato, ma il nucleo resta reale e ci tenevo che fosse conosciuta. Finché rimane in un saggio storico viene letta da un pubblico limitato di specialisti, se esce in un romanzo può avere un pubblico diverso e più ampio».
Lo definisce «un romanzo corale, un arazzo in cui per ogni filo mosso se ne muovono anche altri dieci». E in effetti la trama è complessa e appassionante e si realizza attraverso un sapiente gioco di incastri che unisce sentimento, conoscenza storica e suspense.Valente però non si ferma qui e guarda già oltre: «Vorrei slegarmi dal mio background storico. Mi è servito da ponte per iniziare a fare narrativa avendo degli argomenti, una corsia preferenziale. Il prossimo romanzo è ambientato nel 2025». S.F.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Blog

Il Corsivo
Tav & visione
di di GIANCARLO MARINELLI
15.02.2019
Editoriale
Stop di domenica Duello sui negozi
di di FEDERICO GUIGLIA
15.02.2019
Editoriale
La locomotiva e il divano
di di GIAN MARCO MANCASSOLA
14.02.2019