Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 novembre 2018

Cultura

Chiudi

20.05.2018

SFIDA FINALE AL CAMPIELLO

La cerimonia per la scelta dei cinque ragazzi che parteciperanno al Campiello giovani ad aprile a Verona
La cerimonia per la scelta dei cinque ragazzi che parteciperanno al Campiello giovani ad aprile a Verona

È la settimana del Campiello, edizione 2018, la numero 56. Nel quartier generale di Venezia si prepara la “disfida” di venerdì 25 maggio quando dalle 10.30 nell’aula magna dove fece lezione Galileo Galilei, al Palazzo del Bo’ di Padova, si deciderà la cinquina dei finalisti del premio letterario e verrà proclamato il vincitore del Premio Campiello Opera Prima, uno scrittore al suo esordio. La Giuria dei Letterati è presieduta quest’anno da Carlo Nordio, già magistrato, e dibatterà pubblicamente sui titoli candidati arrivando a definire - con una votazione a maggioranza, si voterà in seduta pubblica fino a quando non ci sarà convergenza - i cinque romanzi finalisti di narrativa italiana tra quelli pubblicati per la prima volta tra il maggio 2017 e l’aprile 2018. Il confronto di venerdì sarà anche l’occasione, da parte di uno dei giurati - di solito un docente di letteratura italiana - per tracciare un bilancio sullo stato della narrativa e le sue più recenti tendenze. C’è attesa perchè da qualche indiscrezione trapelata a Milano dal cantautore Roberto Vecchioni, membro della giuria, i giurati sembravano abbastanza distanti nei giudizi sui libri che stavano leggendo. «Un’annata complessa, tante tematiche, nessuna che incendia... ma il premio è una kermesse letteraria, non un girone ad eliminazione», è stato il messaggio di Vecchioni a villa Necchi Campiglio, dove il 7 maggio è andato in scena #CampielloRacconta, in cui sono stati presentati i cinque giovanissimi finalisti del Campiello Giovani e gli animatori della serata conclusiva alla Fenice (saranno il comico Enrico Bertolino e la conduttrice Mia Ceran), che andrà in onda su Rai5 in diretta e verrà rilanciata nel mondo da Rai Italia. Decine e decine i titoli pervenuti alla segreteria del premio, numerosi gli autori del Nordest. Lo scorso anno su almeno tre titoli i giurati avevano trovato subito un accordo. Va ricordato anche il romanzo vincitore del Campiello 2017, “L’Arminuta” di Donatella Di Pietrantonio, è, dopo nove mesi, ancora nelle classifiche dei libri più venduti. La giuria, oltre che da Nordio è composta da Federico Bertoni, Daniela Brogi, Philippe Daverio, Chiara Fenoglio, Paola Italia, Luigi Matt, Ermanno Paccagnini, Lorenzo Tomasin, Roberto Vecchioni ed Emanuele Zinator. Accanto a loro opera una giuria tecnica composta dal presidente e decano Giorgio Pullini, da Gilberto Pizzamiglio e Ricciarda Ricorda. Nato nel 1962, il Premio Campiello è promosso dalla Fondazione Il Campiello, composta dalle sette Associazioni Industriali del Veneto. Il vincitore assoluto della 56esima edizione verrà proclamato sabato 15 settembre a Venezia al teatro La Fenice, quando perverranno i voti della Giuria dei 300 lettori chiamati durante l’estate a leggere i cinque libri finalisti. Questi giurati vengono selezionati sulla base di età, categorie sociali e professionali, cambiano ogni anno e i loro nomi rimangono segreti. Il percorso verso la cinquina è stato preceduto dalle fasi del concorso del Campiello Giovani, conclusosi a Verona con la selezione dei cinque finalisti, studenti delle superiori che hanno partecipato con un racconto breve: sono stati scelti Alma Di Bello, 18 anni di Blevio, Como, con il racconto Blackout; Vincenzo Grasso, 20 anni di Catania, con il racconto Bestiario familiare; Alessio Gregori, 21 anni di Monterotondo, Roma, con il racconto Feromoni; Lorenzo Nardean, 20 anni di San Donà di Piave, Venezia, con il racconto Natura morta; Elettra Solignani, 17 anni di Verona con il racconto Con i mattoni. Il vincitore di questa cinquina sarà proclamato il 14 settembre a Venezia. Dopo la selezione di Padova, inizierà il tour degli autori: una iniziativa che dal 2006 porta il Campiello in tutt’Italia per promuovere la cultura della lettura. Le tappe per ora saranno Venezia, Cornuda, Jesolo, Catania, Bologna, Modena, Asiago, Lido di Venezia, San Candido, Caorle, Fanzolo a Villa Emo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicoletta Martelletto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Blog

Editoriale
All’Italia serve un progetto vero
di di MAURIZIO CATTANEO
18.11.2018
Editoriale
Il monito di Draghi
di di ANTONIO TROISE
17.11.2018
Editoriale
Vince il partito del condono
di di FEDERICO GUIGLIA
16.11.2018