Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
15 dicembre 2018

Cultura

Chiudi

09.09.2018

Un concerto per archi e pianoforte

Arrigo Pedrollo (1878-1964)
Arrigo Pedrollo (1878-1964)

Oggi alle 17.30, a Villa Montanina “Concerto per quintetto d’archi e pianoforte” della “Nuova Orchestra Pedrollo” di Vicenza, con le musiche del compositore, direttore d’orchestra e pianista, nato a Montebello il 5 dicembre 1878 e scomparso a Vicenza nel 1964. Il quintetto d’archi composta da Alessandro Gasparini (violino), Irene Pedrolo (violino), Nicola Possente (viola), Daniele Cernuto (violoncello), Elena Sguarzon (contrabbasso). Allo storico pianoforte della Montanina, uno Steinway a coda dell’800, si esibirà il direttore e pianista Gabriele Dal Santo. Sarà proprio lui ad aprire l’esecuzione musicale, interpretando il brano di Segantini “Nirvana” e il “Canto del ritorno”. Poi, per violoncello e pianoforte, il primo dei pezzi di Pedrollo “Canzone del Don”, scritto nel 1930, seguito, per violino e pianoforte, dall’ Intermezzo da “Maria di Magdala”, opera teatrale composta nel 1924 su libretto di Arturo Rossato. L’esecuzione per quintetto d’archi di “Preghiera”, fungerà quasi da introduzione ai brani seguenti, tutti per quintetto d’archi e piano, una singolare produzione pedrolliana, non solo legata a poemi sinfonici, balletti, cantate, musica cameristica e sinfonica: “Canto eroico”; “Serenata veneziana”; “Fior di passione-Valzer”; “Tango”; “Canzonetta”; “Asturiana”; “Notturno” e “Berceuse”.

G.M.F.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Blog

Editoriale
Quando l’Europa deve andare avanti
di di MARINO SMIDERLE
14.12.2018
Editoriale
L’odio è uscito dal letargo
di di FEDERICO GUIGLIA
12.12.2018
Editoriale
Il ministro boccia i compiti a casa
di di FERDINANDO CAMON
11.12.2018