domenica, 16 dicembre 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

22.11.2011

Valdastico Sud, apre l'ultimo cantiere


 Il presidente Napolitano ha firmato il decreto per la A31 sud
Il presidente Napolitano ha firmato il decreto per la A31 sud

Il decreto a firma del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è arrivato una decina di giorni fa nella sede di Serenissima autostrada, a Verona. Non c'è storia: la Valdastico Sud deve proseguire. Questa la sentenza. E la settimana scorsa, venerdì, gli operai di Serenissima si sono presentati in quell'ultimo tratto dove ancora non si era mossa ruspa, per avviare il cantiere. Ma l'hanno fatto davanti ai carabinieri della stazione di Campiglia che hanno garantito che tutto filasse liscio. Sì, perché il proprietario, Giorgio Franchin, pare proprio non voglia mollare: ha presentato ancora un esposto, l'ennesimo. Risultato? Quel tratto di campagna, accanto a via Finale, ad Agugliaro, doveva essere trasformato in strada ancora un anno fa. Ora Serenissima spera di recuperare il tempo perduto in tribunali e carte.
STRADA. La Valdastico Sud ormai è realtà. Le opere più importanti - i ponti e i viadotti - sono completi. Quei 54,3 chilometri che collegheranno Torri di Quartesolo a Badia Polesine in una ventina di minuti sono in gran parte percorribili, anche se non aperti al traffico. Costo dell'opera: 1.180 milioni di euro. I primi 14 chilometri che apriranno per maggio 2012 saranno vicentini (fino al casello Albettone - Barbarano). Almeno così era stato annunciato dai vertici della Brescia-Padova a fine luglio. Ma proprio in quel tratto insiste uno dei 17 lotti più delicati e controversi di tutta l'infrastruttura. È ad Agugliaro. Qui alcuni proprietari di terreno da espropriare, hanno dichiarato guerra all'opera e, da anni, a suon di ricorsi ordinari e straordinari, stanno tentando di opporsi. La loro posizione è chiara: di qui non si passa perché l'autostrada «passa troppo vicina - a loro dire - a ville venete tutelate da vincoli statali». Con il tempo, uno dopo l'altro, hanno dovuto vendere e arrendersi. Ma fino a marzo di quest'anno la situazione era ancora bloccata per 300 metri: qui il cantiere era sospeso in attesa dell'esito del giudizio di merito, dopo il ricorso straordinario al Presidente Napolitano. O meglio, sono stati due i proprietari che, nel 2009, hanno fatto ricorso contro il provvedimento espropriativo. Ma solo sul terreno di Franchin, il Ministero delle Infrastrutture aveva disposto una sospensiva in attesa dell'esito del giudizio. Sospensiva a cui a cui l'autostrada Serenissima aveva fatto opposizione, in sede di Presidenza della Repubblica, rispettando intanto lo stop ai lavori.
LAVORI. Uno stop che ora non ha più motivo di esistere. «Anche il presidente Napolitano - informa Flavio Orlandi, responsabile area costruzioni - ha confermato che l'opera deve andare avanti. Quel terreno va espropriato». Il via libera, era atteso a Verona al massimo in estate. Ma è arrivato solo ora. Così venerdì Serenissima Costruzioni (società braccio operativo della Brescia - Padova) ha preso possesso degli ultimi metri di terreno per avviare i lavori. Non senza tensioni. I carabinieri erano stati preventivamente avvertiti dai responsabili di autostrada. Di contro, lo stesso Franchin li ha chiamati nel tentativo di bloccarli e depositando l'ennesima denuncia, come confermano dalla stazione.
Commenta Orlandi: «Abbiamo un anno da recuperare. Alla luce di tutti questi eventi non siamo in grado di fare pronostici. L'obiettivo è quello di azzerare i ritardi realizzando il progetto definito da tempo. Vedremo se non ci saranno altre opposizioni». Perché Franchin ha in mente altre azioni? «No comment - risponde -. Le carte sono in Procura. Vedremo».

Cristina Giacomuzzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il ministro Bussetti chiederà agli insegnanti di dare meno compiti per Natale. Sei d'accordo?
ok

Avvenimenti 2018

Amici di Noè

Sport

VIAGGI