martedì, 11 dicembre 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

03.03.2012

Raccolta dei rifiuti La differenziata è un videogame

La elementare di Romano. Il progetto coinvolgerà tutti i plessi
La elementare di Romano. Il progetto coinvolgerà tutti i plessi

Un videogame per imparare come si fa la raccolta differenziata. A Romano rispettare l'ambiente diventa un gioco da ragazzi, un programma da sperimentare davanti al Pc. Si chiuderà infatti con la creazione di un vero e proprio videogioco il progetto di educazione ambientale promosso nelle scuole elementari dall'Amministrazione ezzelina. L'iniziativa si intitola Ri-ambientiamoci e punta a far capire ai bambini l'importanza della differenziazione nel conferimento dell'immondizia e la necessità di ridurre al minimo la produzione di rifiuti. «Il piano - spiega il sindaco Rossella Olivo - sarà attivato in tutti i plessi delle primarie insieme agli esperti della cooperativa La Goccia, che terranno degli incontri con i ragazzi all'interno delle scuole, e con la Cooperativa Ferracina, che condurrà gli alunni negli ecocentri per calare il progetto nella nostra realtà». L'obiettivo è quello di motivare i ragazzi alla raccolta differenziata, di educarli ad evitare gli sprechi e a riutilizzare i materiali. «Ho pensato di creare qualcosa di specifico per le scuole elementari - sottolinea l'assessore all'ambiente Giuseppe Saretta - I ragazzi di quest'età sono infatti quelli che assimilano di più il concetto dell'ecologia». Il progetto avrà carattere pluridisciplinare e coinvolgerà pertanto varie materie scolastiche. Si partirà con una prima parte informativa che sarà affrontata attraverso uno stile ludico. In questa fase gli scolari potranno ricercare, raccogliere e osservare i materiali più svariati, prima di essere coinvolti in laboratori pratici sul riciclo. «È bene che i ragazzi conoscano l'utilizzo della plastica, del vetro e della carta - prosegue Saretta - Alla fine di questo percorso didattico sapranno anche a cosa servono le discariche, gli inceneritori, gli impianti di stoccaggio e realizzeranno loro stessi degli oggetti riciclando diversi materiali». Inoltre gli alunni saranno chiamati a trovare proprio all'interno del territorio romanese gli spunti per una riflessione personale sul tema dell'ecologia e nuovi stimoli per la sperimentazione e per la risoluzione di problemi di natura ambientale. Gli studenti verranno incentivati ad esprimersi, a documentarsi, a prendere posizione e ad agire per l'ambiente e, nell'ultima parte del progetto, a fornire le indicazioni per la realizzazione di un videogioco. Il videogame sarà infatti ambientato all'interno del territorio comunale e sarà creato, sulla base delle indicazioni fornite dagli alunni, da un professionista. «Si tratterà di un programma molto semplice - conclude l'assessore -, ma allo stesso tempo in grado di rinfrescare ai bambini le regole del giusto conferimento».

Caterina Zarpellon
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il ministro Bussetti chiederà agli insegnanti di dare meno compiti per Natale. Sei d'accordo?
ok

Avvenimenti 2018

Amici di Noè

Sport

VIAGGI