Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 settembre 2018

Bacheca

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

19.05.2016 COLDIRETTI

Nutrie, per il presidente
Cerantola “norma indispensabile”

Potrebbe finalmente essere stata posta la parola fine sulla delicata e pericolosissima diffusione delle nutrie, una specie non autoctona, che è stata importata nel nostro territorio, si è rapidamente diffusa ed ha provocato danni ingenti agli argini dei fiumi, come più volte denunciato anche dal consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta, che monitora costantemente un territorio di 98 comuni tra le province di Padova, Verona e Vicenza. Con l’approvazione, da parte del consiglio regionale del Veneto, di una norma sul contenimento delle nutrie, finalizzata all'eradicazione di questa specie estranea al territorio del Veneto, si dovrebbe ridurre e progressivamente risolvere l’innumerevole catena di danni provocati. “Il provvedimento rappresenta una prima e valida azione concreta – commentano il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola ed il direttore Roberto Palù – cui dovrà auspicabilmente seguire una legge quadro che regolamenti la fauna selvatica. Si tratta di un’esigenza improcrastinabile, da tempo caldeggiata da Coldiretti, che ha evidenziato e sollecitato la Regione Veneto, presentando svariate analisi sui datti che questo animale determina in particolare agli argini dei fiumi, con conseguenze significative sulla sicurezza dei territori”. L’approvazione di questa legge regionale è un importante passo sul versante della sicurezza idrogeologica del territorio e quella dei cittadini. “Il provvedimento è di grande importanza, poiché mette ordine nel bailamme di disposizioni emanate, ai diversi livelli – sottolineano il presidente Cerantola ed il direttore Palù – e fa chiarezza tra le varie norme nazionali, adeguandosi alle disposizioni del collegato ambientale”. I passaggi salienti riguardano la previsione di piani di eradicazione con la collaborazione dei consorzi di bonifica e delle organizzazioni di categoria, il coinvolgimento a diversi livelli degli enti regionali, provinciali e dei comuni, dell’Arpav e delle Usl sulla modalità dello smaltimento delle carcasse. Sono stati introdotti vari metodi di eradicazioni, che tengono conto dei pareri degli istituti nazionali di prevenzione, al fine di tenere un monitoraggio costante. “Resta urgente un testo organico sul complesso tema del controllo e risarcimento dei danni provocati dalla fauna selvatica. Attualmente sono tre i progetti di legge fermi in terza commissione. Che l’equilibrio tra agricoltura ed animali selvatici sia saltato è sotto gli occhi di tutti – concludono il presidente Cerantola ed il direttore Palù - lupi, orsi, cervi, cinghiali, corvi e cornacchie, sono presenze devastanti in campagna, il conto dei danni arrecati ad allevamenti, colture e vigneti supera i due milioni di euro”.

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Chi è il personaggio "vicentino" di agosto?
ok

Avvenimenti 2018

Amici di Noè

VIAGGI