Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
14 dicembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Zig Zag

09.11.2018

RENON, MAGIA DEI BOSCHI

In alto il trenino del Renon, qui la passeggiata Freud
In alto il trenino del Renon, qui la passeggiata Freud

Autunno, una stagione che sprigiona una tavolozza di colori incantevoli.Cromatismi propri del “foliage”, parola inglese ma pronunciata alla francese attribuita al fogliame autunnale che ha innestato una nuova forma di turismo, una caccia a “quadri” naturali regalati dal paesaggio smorzato della spavalderia estiva e rivestito di una livrea solenne, quasi liturgica. FUNIVIA DEL RENON. L’altopiano del Renon è la montagna di casa dei bolzanini. Con pochi passi dal centro città si arriva alla stazione della funivia che in 12 minuti sale ai 1221 m. di Soprabolzano. L’impianto a fune è d’eccellenza: velocità 6 metri al secondo, portata 35 persone ogni cabinovia di cui 24 sedute, 720 persone trasportate all’ora, tempo d’attesa 4 minuti, orario continuato dalle 6,30 alle 22,45, possibilità di trasporto biciclette, sci, passeggini, costo 10 euro andata e ritorno ma con la RittenCard ogni corsa è gratuita. La Card è compresa nel prezzo della camera di ogni albergo dell’altopiano e consente il libero utilizzo di tutti i mezzi di trasporto pubblici dell’Alto Adige, compreso il trenino a scartamento ridotto e la Funivia del Renon, l’ingresso in circa 90 musei fra i quali il museo di Ötzi, il Messner Mountain Museum, il museo d'apicoltura Plattnerhof, l’affrescato Castel Roncolo, una corsa giornaliera di andata e ritorno con la cabinovia del Corno del Renon e altro ancora. In questa stagione, il viaggio verticale regala una panoramica dall’alto sui boschi incandescenti, ci s’incolla alle vetrate e non si smette di guardare. LA FREUD PROMENADE. La funivia arriva sul Renon nel paesino di Soprabolzano, dove si scopre che l’efficienza dei trasporti altoatesini è strabiliante, proprio davanti all’uscita si trova una delle stazioni della Ferrovia del Renon che percorre quasi tutto l’Altopiano: da Maria Assunta a Collalbo. Lo storico trenino, inaugurato nel 1907, partiva dalla centralissima Piazza Walther di Bolzano e saliva l’impervia tratta con una pendenza costante del 25,5%. Nel 1966, dopo 59 anni di trasporto di merci e persone, fu sostituito dalla funivia nel tratto a cremagliera ma continua ancora oggi il percorso in quota con i suoi rossi vagoncini. Nella sala d’aspetto, una mostra fotografica con immagini d’epoca ne racconta la storia. A Soprabolzano, s’imbocca il sentiero 35 e si percorre la facile “Freud Promenade”, 5 km e mezzo immersi nei boschi con lo sguardo che raggiunge la piattaforma dello Sciliar, il pendio inclinato del Sasso Piatto, le cime del Catinaccio e del Latemar e una corona di vette dolomitiche. La passeggiata è intitolata al famoso padre della psicanalisi che sul Renon festeggiò le sue nozze d’argento il 14 settembre del 1911 e vi soggiornò più volte. Il percorso è punteggiato da suoi pensieri, lettere, aforismi, panchine per sostare e godersi i colori autunnali e i lontani panorami imbiancati. Sbucati a Collalbo, si seguono le indicazioni per la stazione e si ritorna indietro con il trenino che s’infila nei boschi, con il foliage che scorre dal finestrino. FENN PROMENADE. Altra coloratissima passeggiata è la “Fenn Promenade” che inizia e termina al laghetto della graziosa frazione di Longomoso. L’anello di 2,5 km è un tappeto ruggine sotto un’ambrata galleria naturale lungo la quale si ammira uno dei gruppi delle “Piramidi di terra” per le quali il Renon è molto visitato. I pinnacoli di argilla, con il loro caratteristico sasso-cappello, dipingono un’ulteriore macchia rossiccia tra il verde dei pini. EVENTI. Dal 23 novembre al 30 dicembre sarà allestito il decimo mercatino Trenatal del Renon in centro a Collalbo e a Soprabolzano nei vagoni storici del trenino addobbati e illuminati a festa, ogni sabato e domenica, dalle 10 alle 18.30. Sabato 15 dicembre i bambini tra i 6 e i 12 anni potranno sciare gratuitamente, cimentarsi con lo snowboard oppure con gli sci da fondo sul Corno del Renon, l’attrezzatura sarà fornita gratis dalla scuola di sci www.kidssnowday.com. Sempre sul Corno del Renon, domenica 30 dicembre spettacolo sciistico con coreografie dei gatti della neve ed esibizione della scuola di sci; alle 11 showcooking alla baita Feltuner Hütte.www.ritten.com •

Cinzia Albertoni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1