Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
13 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Zig Zag

27.07.2014

L'inverno ha 150 anni

In alto il lago e l'hotel Kempinski, qui un manifesto degli anni Venti
In alto il lago e l'hotel Kempinski, qui un manifesto degli anni Venti

L'avamposto dei festeggiamenti è sul lago. Qui 150 anni fa apriva i battenti il Parkhotel Kurhaus, oggi Grand Hotel Des Bains Kempinski – un castello di fiaba - sopra la sorgente termale a due passi da quella principale di San Maurizio, nota già ai tempi dei Romani. Inizia un secolo e mezzo fa la fortuna di St.Moritz, Svizzera, e da qui irradierà su tutte le Alpi. Terra di emigrazione e di pascoli, un paio di locande per chi “passava le acque”, il borgo dei Grigioni destinato a diventare centro del jet-set, aprì la sua scommessa col turismo invernale nel 1864: in quell'inverno Johannes Badrutt, proprietario dello storico Kulm Hotel, in centro paese, scommise con i suoi ospiti inglesi che avrebbero potuto godere della bellezza e del sole dell'Engadina anche d'inverno. Se non fosse stato così si sarebbe accollato lui tutte le spese di viaggio. I quattro ospiti arrivarono a Natale e ripartirono a Pasqua, entusiasti: il passaparola fece il resto. Il boom invernale stava per decollare e nello stesso anno aprì il primo ufficio turistico. Nel 1878 Badrutt portò per primo la luce elettrica, lo sci cominciò a muovere i primi passi, si scavarono le prime piste di slittino, nel 1880 si realizzò la prima pista di curling d'Europa e dal 1889 si praticò il bob. St. Moritz aveva scritto i primi capitoli di una storia di sucesso. I commercianti locali e i nobili innamoratisi del luogo investirono in hotel di lusso e il virus turistico contagiò i centri vicini, da Pontresina – già capitale dell'alpinismo estivo – a Sils, Celerina, Maloja. Fino allo scoppio della Grande Guerra il turismo conobbe uno sviluppo senza precedenti che riprese negli anni Venti con i Giochi olimpici (1928) e la prima scuola di sci svizzera (1929).Una ricca documentazion è consultabile, ed è davvero interessante, nella biblioteca (www.biblio-stmoritz.ch), compreso l'originale del logo col sole che porta la firma nel 1930 dell'allora direttore dell'Ufficio del turismo.
È il Kempinski (www.kempinski.com) a guidare da questo agosto gli eventi per il 150 ° del turismo engadinese, che fino a metà del 2015 farà parlare di St.Moritz: già fin d'ora il cinque stelle che ha conservato arredi e atmosfere affascinanti nonostante le ristrutturazioni (compresi i soffitti dipinti con la tecnica Biermalerei e gli affreschi nell'enoteca dove Coco Chanel trascorreva le serate con lo scrittore Paul Morand),propone pacchetti estate-inverno includendo i trasporti sulle ferrovie retiche che celebrano i 125 anni. Il Bernina Glacier Express sulla tratta Tirano-St.Moritz è solo una delle linee spettacolari che consentono un'immersione in 384 km di natura e ingegneria (www.www.rhb.ch). Nell'immediata estate sono in corso il Festival jazz fino al 10 agosto, salite in mtb fino ai 3 mila ogni mattina all'alba con gli impianti di Corviglia-Marguns, concorsi ippici, il festival del kitesurf a Silvaplana dal 13 al 17 agosto, maratone estive a Samedan e Sils, l'Art Masters dal 22 al 31 agosto con le novità dell'arte contemporanea internazionale. www.engadin.stmoritz.ch, www.myswitzerland.com.

Nicoletta Martelletto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1