Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Zig Zag

20.07.2018

KUFSTEIN, STORIA E NATURA

La  Festspielhaus di Erl, a pochi chilometri da Kufstein (in alto)
La Festspielhaus di Erl, a pochi chilometri da Kufstein (in alto)

Al confine tra Tirolo e Baviera, l’austriaca Kufstein solitamente è un luogo di passaggio verso la Germania. Fermarsi può essere un’ottima idea, come erano soliti fare gli imperatori degli Asburgo quando scendevano in Italia per incontrare il papa. Il simbolo della città, oltre alla botte di legno che compare un po’ ovunque, è la centenaria fortezza (Festung in tedesco), da dove si può ammirare una vista “imperiale” sulla valle del fiume Inn. Vi si accede tramite una funicolare e, una volta in cima, è possibile visitare il museo cittadino e le prigioni che accoglievano i rivoltosi lombardi, partecipare a feste e banchetti medievali, assistere a operette e concerti in un’arena coperta oppure, nel periodo natalizio, girare tra i tipici mercatini. L’attrazione principale è però il famoso organo degli Eroi (Heldenorgel), il più grande organo a cielo aperto al mondo con le sue 4948 canne e ben 65 registri. Ideato negli anni Venti da un ingegnere per commemorare gli amici persi nella Grande Guerra, fu collocato in cima alla torre civica, mentre la consolle si trova all’interno di una casetta cento metri più in basso. Dal 1931 viene suonato tutti i giorni alle 12 (a luglio e agosto anche alle 18) da maestri locali e i concerti, che durano circa venti minuti e si concludono con la marcia “Il buon compagno”, possono essere ascoltati in tutta la città e fino a dieci chilometri di distanza (www.kufstein.com). POSTI… DA GUINNESS. Ai piedi della fortezza il Sentiero storico accompagna i visitatori lungo 23 stazioni che raccontano (anche in italiano) la storia e lo sviluppo di Kufstein dal Medioevo ai giorni nostri. Il cuore della città vecchia è Römerhofgasse, un vicolo lastricato ricco di pitture murali e insegne storiche come quella dell’Auracher Löchl, popolare ritrovo per i visitatori di Kufstein da almeno 500 anni, come testimoniano alcune palle di cannone incastonate all’ingresso (un ricordo dell’assedio di Massimiliano I nel 1504). Gli amanti del gin possono cercare ristoro allo Stollen 1930, bar che oltre alla particolarità di trovarsi in una galleria scavata nella roccia sotto alla fortezza, si compiace di offrire la più vasta collezione al mondo del distillato, con oltre 800 etichette. E siccome da queste parti piacciono le imprese da Guinness, un ponticello coperto sopra alla viuzza contiene “il più piccolo ristorante del mondo dentro un ponte”: un tavolo per due persone che ospita cene tête-à-tête, spesso con annesse richieste di matrimonio. ESCURSIONI. Non mancano le attività nella regione circostante, il Kufsteinerland, che offre montagne, boschi, prati e sei laghi scintillanti. Una delle sue valli, la Kaisertal, è stata eletta qualche anno fa il luogo più bello dell’Austria, ma essendo chiusa alle auto (i visitatori la possono raggiungere esclusivamente a piedi salendo 282 gradini, dal 2008 è collegata con un tunnel accessibile solo ai trenta residenti) camminare ai piedi del Kaisergebirge è ancora un’esperienza nella natura quasi incontaminata. Soggiornando in un hotel o in una casa vacanze della regione si riceve la KufsteinerlandCard, che dà accesso a sconti sul trasporto pubblico e soprattutto a un vasto programma di iniziative gratuite, come escursioni panoramiche sul monte Pendling. Vanno forte le discipline orientali e le passeggiate al mattino presto possono essere accompagnate da sessioni con maestri di yoga, Qi Gong e Tai Chi, mentre lungo il Sentiero delle Erbe un’esperta fitoterapeuta insegna a come usare foglie e piante a fini curativi. EVENTI. Per assaporare tradizione e divertimento, l’occasione migliore è probabilmente la Kaiserfest in programma a fine giugno tra le vie del centro di Kufstein, con musica dal vivo e specialità tirolesi. Ma il ventaglio di offerte è davvero ampio e comprende anche a metà luglio una festa del vino con i viticoltori della gemella Rovereto. Sempre in estate la vicina Erl, 1.500 abitanti, ospita una rassegna di concerti di musica classica e opere liriche di livello internazionale (www.tiroler-festspiele.at). Qualcuno era perplesso quando circa 10 anni fa la regione Tirolo progettò in mezzo ai prati verdeggianti un moderno teatro da 800 posti, ma da allora sotto la regia di Gustav Kuhn la Festspielhaus ospita stabilmente musicisti da tutto il mondo e quest’anno ha richiamato circa 20 mila spettatori in una trentina di appuntamenti, tutti “sold out”. A fine settembre toccherà invece ai campionati del mondo di ciclismo, con arrivo di tutte le gare a Innsbruck e partenze da Kufstein, Hall-Wattens (sede del Mondo di Cristallo Swarovski), Rattemberg e Ötztal (www.tirolo.com). • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Mutterle
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1