Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 settembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Zig Zag

25.05.2014

Avventure sull'Orient Express

La carrozza ristorante del treno che transita (in alto)  per Vicenza
La carrozza ristorante del treno che transita (in alto) per Vicenza

Orient-Express: un nome evocante viaggi, avventure, misteri, capolavori letterari, film d'azione, storie d'amore e di omicidi. Nelle sue lussuose carrozze, che dal 1889 al 1977 attraversarono l'Europa da Parigi a Istanbul, viaggiarono la spia-danzatrice Mata Hari, la scrittrice Agatha Christie che vi ambientò il suo best-seller “Assassinio sull'Orient Express”, l'agente segreto, archeologo e scrittore Lawrence d'Arabia, teste coronate come il re Ferdinando di Bulgaria e lo zar Nicola II, il baronetto Robert Baden Powell fondatore del movimento scout e principesse, trafficanti, diplomatici, scrittori e avventurieri. L'atmosfera di quel treno leggendario riappare ora a Parigi in una mostra ospitata fino al 3 agosto 2014 all'Istituto del Mondo Arabo che, come in quel viaggio attraverso l'Europa, propone la sintesi tra la cultura occidentale e quella araba. Nel piazzale dell'istituto, quattro carrozze originali e una locomotiva d'epoca, una Ten Wheel del 1922, permettono ai visitatori di entrare nello spirito del treno tra realtà e finzione cinematografica, ricreata dagli oggetti che appartennero agli illustri viaggiatori: il giradischi di Mata Hari, lo smocking del più famoso James Bond interpretato dall'insuperabile Sean Connery che vi recitò in “Dalla Russia con amore”, le carte del Lord Baden Powell e pipe, giornali d'epoca, macchine da scrivere, occhialetti rotondi, abiti e copricapi. Nel vagone ristorante si sono riaccese le abajours e sono tornati i secchielli per il ghiaccio, le tazzine del caffè, le bottiglie di cristallo mentre le poltrone in cuoio borchiate tacciono sui tanti innamoramenti, intrighi, adulteri, nati e vissuti in quel lungo viaggio che in otto giorni congiungeva la grandeur française all'esotismo turco.
COME VIAGGIARE. Dal 1876 la compagnia Orient-Express mette a disposizione treni di lusso. Originariamente conosciuta come la Compagnia internazionale delle carrozze letti, ha preso il nome di Compagnia internazionali delle carrozze letti e di grandi express europeo, prima di adottare il suo nome attuale. Attivo dal 1883 sull'asse Parigi, Vienna e l'allora Costantinopoli per viaggiatori facoltosi, l' Orient Express esiste tutt'oggi sulle stesse tratte con qualche modifica: dalla laguna parte più volte al mese il Venezia-Simplon-Orient Express, mentre un servizio quotidiano collega Parigi a Vienna. Possibile l'estensione a Londra. In origine, l'Orient Express circolava due volte a settimana da Parigi a Istanbul via Strasburgo, Monaco, Vienna, Budapest e Bucarest. Il collegamento con l'Italia fu possibile dal 1919, dopo l' apertura del tunnel del Simplon. Il Venice Simplon progettato da designer come René Lalique e Prou, è stato rivisitato da James B. Sherwood nel 1982. Le cabine sono decorate di intarsi e le panche rivestite di stoffe e velluti. A bordo servizio di ristorante e boutique. Le cabine doppie costano circa 2 mila euro a viaggio. A bordo si paga in euro o con carte di credito. È richiesto un abbigliamento elegante e formale (è in divisa anche il personale viaggiante). Vi sono tre tipi di scompartimenti : Presidential, State e Pullman. Dal 2011 è stata introdotta una serie di viaggi, da 3 a 6 notti - The Chronicles of South-East Asia - che attraversa la Thailandia, Malaysia, Laos e Singapore. Esistono estensioni con treni di lusso verso la Scozia; il British Pullman e Northern Belle, viaggiano di giorno nella campagna inglese. www.orient-express.com
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cinzia Albertoni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1