Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 novembre 2017

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

VIAGGI

scegli sezione
AUTUNNO FAI
TRA VILLE
E PALAZZI

16.10.2017

AUTUNNO FAI
TRA VILLE
E PALAZZI

Trecenta, Rovigo. Corte Gàspera (XVIII secolo) sulla sponda settentrionale del Gorgo GàsperaVilla Verlato Putin a Villaverla. L’architetto Francesca Grandi guida il Fai Giovani che farà da cicerone ai visitatori
Trecenta, Rovigo. Corte Gàspera (XVIII secolo) sulla sponda settentrionale del Gorgo GàsperaVilla Verlato Putin a Villaverla. L’architetto Francesca Grandi guida il Fai Giovani che farà da cicerone ai visitatori

Per le Giornate Fai d’Autunno domenica 15 saranno 170 gli itinerari tematici in tutt’Italia proposti dai gruppi Fai Giovani. In Veneto numerose possibilità di visita.

VENEZIA. Il tour è “Venezia nascosta” con visite la Basilica di San Pietro, nell'antica isola di Olivolo, ora Castello, primo insediamento abitativo e il primo centro religioso, politico e commerciale della città. Orario 11.30 - 17, ultimo ingresso 16.30. Alle 11.30 visita in Lingua Lis su prenotazione all'indirizzo: faigiovani.venezia@fondoambiente.it. Poi l’Arsenale,esempio più importante di grande complesso produttivo a struttura accentrata dell'economia preindustriale. Quindi la Torre di Porta Nuova, prima metà dell’800, dove le altissime braccia meccaniche consentivano l’alberamento delle navi di grandi dimensioni. Orario 10- 17. Alla Torre mediante servizio navetta gratuito dal Giardino delle Vergini, ogni 20 minuti. Apre il Complesso del Pio Loco delle Penitenti, fondato nel 1703 da Giovanni Badoer, istituto laico nato per accogliere ex prostitute.Ore 10-13/14- 17. La Delegazione Fai di Portogruaro (VE) propone, invece, un percorso storico artistico all'interno delle mura cittadine alla ricerca di opere d'arte di artisti locali in una cornice di musica e poesia. In Piazza della Repubblica, stand enogastronomici.

MONTAGNANA (PD). Il borgo di Montagnana viene spesso ricordato per la sua lunga cinta muraria, simbolo del Medioevo. Tuttavia, nel '500 è stata uno dei centri della rivoluzione architettonica ad opera dei più importanti architetti veneti di tutti i tempi: Michele Sanmicheli e, su tutti, Andrea Palladio. L’itinerario Fai comprende Palazzo del Comune (ore 10-18), Palazzo degli Uberti (10-18) e per i soci Fai la palladiana villa Pisani Placco (10-18).

BELLUNO. La giornata è dedicata a Mario De Donà, in arte Eronda, artista grafico attivo nella seconda metà del ‘900 presente nel grande murales in Camera di Commercio, all’ex pescheria Poletto, al Parco Comunale (10-12 e 14-17).

LAZISE (VR). Si visitano le porte, il municipio, le chiese, la dogana e la rocca del pese sul lago di Garda (10-18.30).

L’originario abitato urbano di Lazise è definito dalla cinta muraria, in gran parte ancora integra e dalla Rocca Scaligera, costruita alla fine del 1300 dagli Scaligeri (per soci Fai 10-18.30).

TRECENTA(RO). La Delegazione di Rovigo offre un percorso nel paese di origini romane che ha attraversato tempi d'oro rimbalzando fra le proprietà del Papato e delle più nobili famiglie Ferraresi e Bolognesi che hanno dominato i loro territori. Visite alla chiesa di San Giorgio Martire, Oratorio di Santa Chiara, Palazzo Pepoli (9.30-12.30/14- 17). Da non perdere la visita naturalistica ai Gorghi di Trecenta, cavità naturali, che alimentate dalle sorgive di un vecchio alveo del Po (9.30-12.30/14-17).

VILLAVERLA (VI). I Giovani del Fai aprono tre ville del comune di Villaverla. L’attuale toponimo ha origine nel XIII secolo quando la famiglia dei Verla acquisì maggiore importanza sul territorio. Tra gli edifici civili è di primaria importanza Villa Verlato-Putin, edificata tra il 1574 e il 1576 da Vincenzo Scamozzi su incarico di Leonardo Verlato per farne la residenza di famiglia. Gli interni della villa conservano affreschi attribuiti a Gerolamo Pisani. (9-17, ultimo ingresso 16.30). Villa Ghellini, ora del Comune, è forse l’opera più importante dell’architetto vicentino Antonio Pizzocaro. La lunga facciata della villa, iniziata nel 1664 ampliando e inglobando l’antica villa gotica, di cui restano alcune sale di grande valore artistico, racchiude in realtà una bella corte porticata dove prospetta la facciata della villa vera e propria che non ebbe mai definitivo compimento. Da non perdere la “sala dei caminetti” e alcune sale, anche al primo piano, alle quali si accede mediante una scenografica e barocca scalinata arricchita da statue oggetto del recente restauro. (ore 10-18, ultimo ingresso 17.30). Risale alla fine del 1500 l’attuale struttura di Villa Martinengo Spiller. La famiglia Martinengo giunse a Villaverla da Brescia e acquistò dalla famiglia Da Porto alcuni edifici, parte dei quali in seguito furono abbattuti per ottenere uno spazio sufficiente ad una più rappresentativa dimora. Una parte fu inglobata nella nuova costruzione dalla Verlata che scorre accanto; si nota su un lungo tratto di muro una caratteristica cornice a dente di sega, che risale al XIV secolo. (ore 10-18, ultimo ingresso 17.30).

TREVISO. Visite guidate da Ca’ Sugana in Cornarotta attuale sede del Comune, abitazione signorile veneta (ore 10-12.30 e 14.30-18 per tutti i monumenti); la Sala del Capitolo, dell'ex convento di San Nicolò attualmente Seminario Diocesano di Treviso; la Chiesa di San Giovanni Battista, della quale oggi rimane un edificio in laterizio con paramento a vista Sul lato che dà su Calmaggiore si trova una mezzaluna rappresentante l'Agnus Dei, XII-XIII secolo, restaurato recentemente dal Gruppo FAI Giovani Treviso.

INFO. www.giornatefai.it; www.fondoambiente.it.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1