Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Zig Zag

14.07.2018

ALSAZIA, UN CIN CIN IN BICI

Cicogne dovunque sui tettiIn alto il centro medievale di Colmar, qui la ciclabile tra i vignetiMuseo dell’auto, MulhouseIl  retablo di Issenheim, Colmar
Cicogne dovunque sui tettiIn alto il centro medievale di Colmar, qui la ciclabile tra i vignetiMuseo dell’auto, MulhouseIl retablo di Issenheim, Colmar

Sotto il cielo d’Alsazia ci sono giornate incredibili, cielo terso e verde a perdita d’occhio specie in primavera ed in autunno. In questa regione di Francia le contaminazioni culturali e storiche sono palpabili - a volte sembra di stare in Germania, a volte in Svizzera - se non fosse che l’orgoglio dei “bleus“ riporta sempre il turista alla realtà: qui si producono tra i migliori bianchi dell’enologia francese ed europea. Il microclima è favorevole, la catena dei Vosgi frena il maltempo da ovest e consente, fin dalla conquista romana, la fertile coltivazione della vite. La più celebre strada dei vini è anche una lunga ciclabile, 170 km da Thann, a ovest di Mulhouse, fino a Marlenheim, a ovest di Strasburgo. Si può fare in tre-quattro giorni, dipende dal tempo che si vuol dedicare alla visita dei borghi, con tappe da 40 km al giorno toccando i ruderi delle fortificazioni dell’anno Mille o uno dei borghi dove abbondano le case a graticcio, con l’immancabile cicogna sul tetto. In questo la visita all’Ecomusée d’Alsace ad Ungersheim (aperto tutti i giorni 10.18,www.ecomusee.alsace/fr)è utile per capire le origini della vita contadina, la tipologia edilizia che incrocia intelaiature di legno a muri di paglia e fieno ricoperti di calce, i mestieri di un tempo. Il villaggio, inaugurato nel 1984, è frutto del lavoro di quasi 15 anni dell’associazione nata a difesa delle tradizioni alsaziane che ha riportati qui pezzi di case autentiche insieme ai loro arredi. Oltre alla pista attraverso i paesi (valutare se è opportuno ricorrere alla bici elettrica visti i saliscendi frequenti) si può percorrere anche quella lungo il fiume Reno, più lineare ma anche più monotona. Chi vuole una guida può rivolgersi al simpatico Glenn Ford, americano che vive Voegtlinshoffen, vicino a Colmar, che con il famoso attore condivide solo il nome e dal 1994 porta i turisti a pedalare nei vigneti www.bicyclettego.com. Si può partire da Mulhouse (l’aeroporto di Basilea è a 30 km, ha tre uscite sui tre Paesi confinanti, EasyJet vola da Venezia) o da Strasburgo (da qui anche i tour verso sud e Colmar di www.girolibero.it che trova bici e alloggi). Le tappe obbligate sono però le tre città alsaziane per eccellenza: Mulhouse ha un passato industriale di cui si vedono ancora i riflessi nei quartieri-modello per operai, fu grande nel tessile come prova il Museo della stampa su stoffa il più importante al mondo con 6 milioni di decori conservati dal 1830 (www.musee-impression.com) e un percorso accompagnato anche da un’opera musicale. Gli imprenditori Schlumpf hanno donato la loro collezione di 450 veicoli alla fondazione che gestisce la www.citedelautomobile.com: su 25 mila metri quadrati c’è la storia mondiale dell’automobile (bellissime le Bugatti)fino alla Formula 1. Dal mercato di Mulhouse, punto di incontro multietnico per la gastronomia, si viaggia verso Colmar, Kolmer in tedesco, visto che le doppie denominazioni sono frequentissime. Meno di 70 mila abitanti, è una città gioiello di strade acciotolate, il quartiere antico dei conciatori, la Pala di Issenheim, una Collegiata del XIII secolo per San Martino che nella sua imponenza esprime l’orgoglio gotico, sovrastata solo dalla Cattedrale di Strasburgo: con 142 metri a lungo primeggiò in Europa. Info www.tourisme-alsace.com, www.atout-france.fr.

Nicoletta Martelletto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1